giovedì 1 marzo 2018

Poesie per marzo IV


Nuvole, nuvole che il vento di marzo raduna dal nulla, che modella in bioccoli, in vele, in stendardi, in strisce e sfilacci e poi soffia via lasciando il cielo azzurro più che mai nel tiepido sole: il mese che porta la primavera ispira con le sue nuvole due poeti italiani, Diego Valeri e Luciano Erba.

.

Ousley

CHRIS OUSLEY, “NUVOLE DI MARZO”

.

.

DIEGO VALERI

MARZO

Marzo è lassù nella sua nuvola
di vento e sole, di fumo e argento.
Tu sei quaggiù nella tua favola
d'anima e carne, di gioia e tormento.


(Da Poesie, Mondadori, 1962)

.

.

.

.

LUCIANO ERBA

VI SONO GIORNATE DI VENTO

Vi sono giornate di vento
di fine marzo, di nuvole a strisce:
così allineate sembrano costole
di dinosauri che i cacciatori di fossili
trovano nei sabbioni del Sud Dakota,
ma i miei sauri affondano nell'azzurro
a un nuovo vento, scompaiono un'altra volta.

(da Nella terra di mezzo, 2000)

.

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Un altro giorno è passato. / Chi l'ha visto, / chi l'ha visto passare? / Il gallo di marzo / ha lo stridulo richiamo / del ragazzo scalzo / che vende stoviglie / e canta l'inverno / nel cortile del carcere.
RAFFAELE CARRIERI, Blu turco




Diego Valeri (Piove di Sacco, 25 gennaio 1887 – Roma, 27 novembre 1976), poeta, traduttore e accademico italiano, fu ordinario di Letteratura Francese all’Università di Padova per oltre vent’anni, tranne nel periodo 1943-45 quando riparò in Svizzera come rifugiato politico.


Luciano Erba (Milano, 18 settembre 1922 – 3 agosto 2010), poeta, critico letterario, traduttore del secondo Novecento, appartenente alla Quarta generazione della Linea Lombarda. Insegnò Letteratura Francese e Letterature Comparate  all’Università Cattolica di Milano.


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...