mercoledì 28 febbraio 2018

Non era come adesso


ROSARIO CASTELLANOS

ESILIO

Parlavamo la lingua degli dei
ma il nostro silenzio era anche simile
a quello delle pietre.
Eravamo l’abbraccio d’amore
nel quale si univano il cielo e la terra.

No, non eravamo soli.
Conoscevamo il lignaggio di ognuno
e i nomi di tutti.
Ah! Ci incontravamo
come i mille rami
dell’albero bottiglia si incontrano nel tronco.

Non era come adesso
che sembriamo nuvole sparse
o foglie disperse.
Eravamo insieme,
stretti, vicini.
Non era come adesso.

(da Poesie, 1957)

.

Il ricordo di un tempo felice in cui l’amore era rigoglioso e proponeva tanti incontri come i rami dell’albero bottiglia (la ceiba, nota anche come kapok, che ha un tronco alto e nudo sul quale si innesta in alto una folta ramificazione): questo rimane alla poetessa messicana Rosario Castellanos. Ed è come un esilio, in cui la lontananza evoca ogni momento la nostalgia.

.

Afremov

DIPINTO DI LEONID AFREMOV

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
È lungo il tempo? È lungo. Lungo come l’oblio.

ROSARIO CASTELLANOS, La veglia sterile




Rosario Castellanos Figueroa (Città del Messico, 25 maggio 1925 - Tel Aviv, Israele, 7 agosto 1974), scrittrice, poetessa e diplomatica messicana, inserita nella Generazione dei ‘50, è considerata una delle voci più importanti del XX secolo​, impegnata nelle lotte per i diritti delle donne e degli indigeni.


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...