sabato 10 marzo 2018

Gabbiani sulle rive del Tevere


ATTILIO BERTOLUCCI

I GABBIANI

Non avevo mai visto gabbiani sulle rive del Tevere
cangianti in questa fine d’inverno le penne e le acque.

Mi sono appoggiato al granito come fanno quelli
che vegliano sulla propria vita o morte usando

un’intenta pazienza ma i miei occhi distratti
seguivano le planate rapinose degli uccelli plumbeoargentei

sino a che furono sazi i ventri affusolati i becchi
già risplendendo su altri flutti a un sole diverso

per il procedere  inevitabile del tempo le mie
pupille stanche e ancora voraci ormai volte

sull’emporio mobile delle vie popolose di Roma
alla cerca disperata nell’ora dell’ipoglicemia

d’un alimento improvviso soltanto a me noto
in una rivelazione gioiosa e sterile nell’ombra-luce

sanguigna da attici e cornicioni meridiani
fumigando sui colli i rami verdi della potatura

sino a ottenebrare il cielo pietoso del ritorno.

(da Viaggio d’inverno, Garzanti, 1971)

.

Una luce viva, che impedisce di guardare più a lungo il Tevere e i suoi riflessi argentati: un altro inverno finisce in una sarabanda di voli di gabbiani a sfiorare l’acqua, a riempire il cielo di Roma. E Attilio Bertolucci si distrae dal suo male di vivere osservandoli, prima di tuffarsi nelle strade del centro in cerca di qualcosa da mangiare, portando altrove la propria malinconia.

.

Gabbiani

FOTOGRAFIA © PXLEYES

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Sono gli ultimi giorni dell'inverno / a bagnarci le mani e i camini / fumano più del necessario in una / stagione così tiepida.
ATTILIO BERTOLUCCI, Viaggio d’inverno




Attilio Bertolucci (San Prospero Parmense, 18 novembre 1911 – Roma, 14 giugno 2000), poeta italiano. Le sue opere poetiche sono il risultato di una felice contaminazione tra eredità ermetica e capacità di tradurre ogni astratta eleganza in un discorso poetico naturale.


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...