lunedì 13 novembre 2017

Quel color di paglia


GHERARDO DEL COLLEgher3

NOVEMBRE

Gli alberi sono rimasti senza foglie
e gemono al vento che le sparpaglia;
si trattiene ai tuoi occhi quel color di paglia
arido, che s’affolta alla tua soglia.
Se nella strada tu procedi, ascolti
che al tuo piede s’infrange
quasi un sommesso piangere senza volto...

(da Il fresco presagio, De Ferrari, 2008)

.

Gherardo Del Colle (1920-1978), frate cappuccino ligure, fu presentato al mondo letterario da Giorgio Caproni: “poeta ricco di passione non in esclusivo senso religioso, ma soprattutto umano”. Queste parole sono perfette per questi versi dedicati a novembre. Se altrove a prevalere sono il fideistico abbandono a Dio (Il mio posto nel tempo / e nello spazio l’ho da Te, Signore) o la denuncia delle ingiustizie sociali (sulle piazze Ti udrò / discorrere animoso coi braccianti avviliti / e i licenziati dell’ILVA e i torvi ferrovieri) qui a risaltare è proprio quell’umano sentire, quasi una “compassione” per le foglie.

.

Foglie

FOTOGRAFIA © IVABALK/PIXADAY

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Lascia le tetre rive: andiamo insieme / nell’incanto autunnale dei miei orti.

GHERARDO DEL COLLE, Il fresco presagio

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...