sabato 4 novembre 2017

Là accado


KIKÍ DIMULÀDimulà

TRASGRESSIONI

Mi espando e vivo
illegalmente
in aree che gli altri
non riconoscono reali.
Là mi fermo ed espongo
il mio mondo perseguitato,
là lo riproduco
con amarezza ribelle,
là lo affido
a un sole
senza forma, senza luce,
immobile,
personale.
Là accado.

A volte però
tutto questo s'arresta.
E mi restringo,
a forza rientro
(rassicurante)
nell'area ammessa
e legale,
nell'amarezza terrena.

E mi smentisco.

(da L'adolescenza dell'oblio, Crocetti, 2000 – Traduzione di Paola Maria Minucci)

.

“Là accado”: è un mondo altro - dove non vigono le leggi del reale, dove fioriscono le meraviglie della poesia e, come in un sogno, ci si può rivalere sulle avversità, sulle umiliazioni, sulle amarezze, dove è possibile dimenticare le insicurezze, le assenze, le disperazioni. È in quel mondo che si rifugia la poetessa greca Kikí Dimulà (Atene, 1931).

.

Rafal-Olbinski-6

DIPINTO DI RAFAL OLBINSKI

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Mi manca forse la tua assenza? / Non viene con me, la lascio a casa. / Patto esplicito del cambiamento è che non segua.
KIKÍ DIMULÀ, L’adolescenza dell’oblio

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...