giovedì 2 novembre 2017

Non è un orto


LEONARDO SINISGALLI

LAPIDE

Non è un orto
o un giardino
il cimitero
dove io sono sepolto.
È un luogo assorto,
un muro,
Ogni bene è scontato,
ogni debito pagato
e il nome tutelato.
Mio amico, fratello,
contami i vecchi giuochi,
il fumo, i fuochi antichi.
Prendi di me l’effige,
le rughe, la fuliggine,
le lacrime, la ruggine.
Non è un orto
o un giardino
il cimitero dove io sono sepolto.
È un regno spento, muto.
Qui l’amore è perduto.
Qui la festa è finita.

(da L’età della luna, Mondadori, 1962)

.

È il giorno dedicato ai defunti e ho scelto questa poesia di Leonardo Sinisgalli (1908-1981) in cui a parlare, come nella celebre Antologia di Spoon River di Masters, è una lapide: un nome, una fotografia, una vita perduta, dimenticata in quello che con i suoi fiori, i suoi aceri e i suoi cipressi, può sembrare un giardino ma non lo è; è il luogo dell’ormai accaduto, della memoria, del mai più, con tutte le sue amarezze e le sue tristezze.

.

Angelo

FOTOGRAFIA © STUX/PIXABAY

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Andare «via dalle tombe» e non visitare i morti, oggi che è il loro giorno, vuol dire farli morire veramente
.
FERDINANDO CAMON, La Stampa, 2 novembre 2012

2 commenti:

V. ha detto...

Ne hanno fatto una canzone... https://youtu.be/4i5hh95vosA

DR ha detto...

interessante...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...