sabato 25 novembre 2017

Crittogrammi


JOSÉ EMILIO PACHECO

ACCELERAZIONE DELLA STORIA

Scrivo qualche parola
                                  e subito
dicono un’altra cosa
                                  significano
un’idea diversa
                         sono già docili
al Carbonio 14
                          Crittogrammi
di un popolo antichissimo
                                        che cerca
la scrittura nelle tenebre.

(da Non chiedermi come passa il tempo, 1970)

.

La seconda metà del Novecento, dopo le guerre mondiali, parve portare ad un’accelerazione della storia – quando il poeta messicano José Emilio Pacheco (1939-2014) scriveva questi versi era in pieno  corso l’avventura spaziale che avrebbe portato l’uomo sulla Luna nel luglio 1969, ma non solo: tutto sembrava progredire velocemente sull’onda del boom economico, anche la società, che iniziava il percorso di automazione e informatizzazione con tutte le sue conseguenze. Anche la parola, dice Pacheco, anche la poesia, invecchia nel momento stesso in cui è scritta: l’uomo non è capace di stare al passo con la sua stessa evoluzione.

.

Chuckle

MEL BOCHNER, “CHUCKLE”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
È presunzione dire al mondo / “Io sono poeta”. / Falso: “io” non sono nulla. / Sono uno che canta la storia della tribù / e come “io” siamo moltissimi
.
JOSÉ EMILIO PACHECO, Guardo la terra

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...