martedì 26 dicembre 2017

Sola nella neve


INGER CHRISTENSEN

SE RESTO IN PIEDI

Se resto in piedi
sola nella neve
è chiaro
che sono un orologio

Come potrebbe altrimenti l'eternità
trovare la sua strada?

(da Luce, 1962)


È la poesia che apre “Luce”, la prima raccolta della poetessa danese Inger Christensen: prende in prestito un’opera di Marc Chagall, “Orologio con ala blu” e la rilegge alla luce della sua poesia sperimentale, che sfocerà nel 1981 in “Alfabeto”, uno schema poetico basato sulla sequenza di Fibonacci. Ma qui, la giovane Inger è più interessata alla conoscenza di sé, al ruolo del linguaggio e alla sua percezione: “Dimmi / che le cose / parlano il loro / chiaro linguaggio”.

.

clock-with-blue-wing-1949

MARC CHAGALL, “OROLOGIO CON ALA BLU”, 1949

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Nel minuscolo universo linguistico che si crea in una poesia, parole e immagini si susseguono l’una all’altra così da vicino che tutto viene in superficie
INGER CHRISTENSEN




Inger Christensen (Vejle, 16 gennaio 1935 – Copenaghen, 2 gennaio 2009) poetessa, scrittrice e saggista danese, è stata più volte candidata al Nobel. Le sue poesie, passate dal modernismo allo sperimentalismo, esplorano temi sociali ma vertono particolarmente su temi filosofici.



Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...