venerdì 6 aprile 2018

In quell’oro


JORGE LUIS BORGES

LA LUNA

a María Kodama

C’è tanta solitudine in quell’oro.
La luna delle notti non è la luna
che vide il primo Adamo. I lunghi secoli
della veglia umana l’hanno colmata
di antico pianto. Guardala. È il tuo specchio.

(da La moneta di ferro, 1976 – Traduzione di Tommaso Scarano)

.

Penso che la poesia, la memoria, l’oblio, abbiano arricchito il mondo” chiosa lo scrittore argentino Jorge Luis Borges a proposito di questa sua poesia: la luna che vediamo non è quella che videro i nostri progenitori: “generazioni di uomini hanno guardato verso la luna, hanno pensato ad essa e l’hanno mutata in mito, per esempio quelli di Endimione e di Latmo (…) Quando guardo la luna non sto guardando solo un luminoso volume nel cielo. Sto guardando anche la luna di Virgilio, di Shakespeare, di Verlaine, di Góngora. E così ho scritto questa poesia”.

.

golden-moon-2

FOTOGRAFIA © TICBEAT

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Ariosto mi insegnò che sull'incerta / luna dimorano i sogni, l'inafferrabile, / il tempo che si perde, il possibile / o l'impossibile, che è la stessa cosa.
JORGE LUIS BORGES, Il creatore




Jorge Francisco Isidoro Luis Borges Acevedo (Buenos Aires, 24 agosto 1899 – Ginevra, 14 giugno1986), scrittore, poeta, saggista, traduttore e accademico argentino. Creatore di un genere oggi definito “borgesiano”, a definire una concezione della vita come storia, come finzione, come opera contraffatta spacciata per veritiera, come fantasia o come reinvenzione della realtà.


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...