domenica 8 luglio 2018

La voce dell’infinito


LEANNE O’SULLIVAN

POESIA

Non riesco mai a trovare una penna quando arrivi,
quando mi afferri con la tua lingua di lucertola,
e ti avvolgi intorno a me come se fossi un rocchetto.
Sei vaga come le metafore che deridi, pescando a strascico
le tue ombre come fanno le nuvole sfumate,
spargendo vocali bambine nella tua immagine vaporosa.
Non sarai mai perfetta,
e finché sarai nata a metà, non dormirò.

Nella salamoia dell’inchiostro conservo tutti i tuoi frutti;
forse sei una profezia,
la voce dell’infinito,
o qualche Dio o una Minerva che va a male
come i segreti nei versi vuoti.
L’anno è finito ormai, ho faticato a svuotare
il sangue più rosso dalla tua gola,
e non sono certo più saggia.

(da Aspettando le vesti, 2004)

.

La poetessa irlandese Leanne O’Sullivan concentra la sua attenzione sulla fatica di scrivere poesia, o meglio di trasferire in parole quel sentire poetico che si manifesta improvvisamente: tentativo comunque irrinunciabile se è vero che la poesia è la manifestazione di qualcosa di sublime, capace di trascendere la realtà, di esprimere in qualche modo il mistero.

.

Bonnard

PIERRE BONNARD, “GIOVANE DONNA CHE SCRIVE”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Sento che l’oceano stesso è carne, / E il delicato salmo del cuore / Batte da qualche parte nel centro.
LEANNE O’SULLIVAN




Leanne O'SullivanLeanne O'Sullivan (Beara Peninsula, 1983), poetessa irlandese. Ha pubblicato Aspettando le vesti (2004), Cailleach: la strega di Beara (2009), La strada della miniera (2013).


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...