domenica 24 ottobre 2021

Accanto al mio amore


EDGAR ALLAN POE

ANNABEL LEE

C’era una volta – era un tempo remoto,
in un regno affacciato sul mare,
una fanciulla – la conoscete?
Annabel Lee si faceva chiamare.
Amare e da me essere amata:
ecco qual era il suo solo pensiero.

In quel regno affacciato sul mare
bambina lei era e bambino ero anch’io.
Ma quell’amore era più di un amore,
di Annabel Lee ed il mio –
era un amore invidiato persino
dai serafini vicini a Dio.

Ecco perché – molto tempo è passato –
in quel regno affacciato sul mare,
venne un vento, da una nube soffiato,
Annabel Lee, così bella, a gelare;
e i suoi parenti di nobil casato
via da me la vollero portare
in un sepolcro, là imprigionata,
in quel regno affacciato sul mare.

Gli angeli in Cielo, estranei a tal gioia,
ebbero invidia, al punto che allora
(e questo ormai a tutti è ben noto
in quel regno affacciato sul mare)
di notte il vento si prese la vita
di Annabel Lee col suo soffio glaciale.

Ma dell’amore di chi era più vecchio
o aveva saggezza a noi superiore
assai più forte era il nostro amore –
E gli angeli in alto su su nei Cieli
o i demoni in basso là sotto i mari
l’anima mia dalla mia bella
Annabel Lee mai potranno strappare: –

luna non brilla che la mia bella
Annabel Lee non mi faccia sognare;
non sorge stella che i suoi occhi radiosi
dentro il mio cuore non faccia apparire –
così io la notte giaccio disteso
accanto al mio amore – mia vita, mia sposa,
là nel sepolcro affacciato sul mare
nella sua tomba al fragore del mare.

(Annabel Lee, da Nevermore. Poesie di un altrove, Marco Saya Edizioni, Milano, 2021 – Traduzione di Raffaela Fazio)

.

In Nevermore. Poesie di un altrove, in uscita entro fine mese per i tipi di Marco Saya Edizioni, Raffaela Fazio, poetessa in proprio e traduttrice, si è questa volta cimentata con i versi di Edgar Allan Poe, provando a renderne in italiano la musicalità: “Chi traduce Poe, dunque, dovrà a mio parere tenere a mente questi due aspetti: la resa musicale e la  fedeltà a determinati indizi/parole che servono a ritrarre un luogo sia fisico che mentale”. Ho scelto forse una delle poesie più celebri – dopo il CorvoAnnabel Lee, l’ultima intera che compose: il tema è quello della morte della bellezza, argomento che lo stesso Poe definì “il più poetico del mondo”.

.

GLENN HOLBROOK, "POE E ANNABEL LEE OLTRE  IL MARE"

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
La Bellezza è l'unico spazio legittimo della poesia.
EDGAR ALLAN POE, La filosofia della composizione




Edgar Allan Poe, (Boston, Massachusetts, 19 gennaio 1809 – Baltimora, Maryland, 7 ottobre 1849), scrittore e poeta statunitense. Iniziatore del racconto poliziesco, della letteratura dell'orrore e del giallo psicologico, fu altresì un poeta romantico di valore, anticipando il simbolismo e il "maledettismo".


1 commento: