domenica 7 gennaio 2018

Non hanno voce


EUGÉNIO DE ANDRADE

QUASI NIENTE

L'amore
è un uccello tremante
nelle mani di un bambino.
Si serve di parole
perché ignora
che le mattine più limpide
non hanno voce.

(da Le mani e i frutti, 1948)

.

Sembra quasi niente, anche se è tutto l’amore: il poeta portoghese Eugénio De Andrade punta lo sguardo sulla sua vulnerabilità, sulla sua tenera debolezza – un pettirosso dal cuore palpitante nelle piccole mani di un bambino. E non solo: sarebbe anche sufficiente a se stesso, senza bisogno della parola, neppure di quella poetica, se solo lo si potesse esprimere. Così la parola diventa il mezzo per dire “in qualche modo” e non compiutamente, quello che il sentimento invece già sa nel suo intimo. Per questo deve essere il più pura possibile.

.

Uccello

IMMAGINE DAL WEB

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Sono come un cristallo, / le parole. / Alcune, un pugnale, / un incendio. / Altre, / rugiada appena.
EUGÉNIO DE ANDRADE




Eugénio de Andrade, pseudonimo di José Fontinhas Rato (Fundão, 19 gennaio 1923 – Porto, 13 giugno 2005), poeta e scrittore portoghese, tradusse García Lorca, Borges, Saffo e Ritsos. Della sua opera José Saramago disse che è una "poesia del corpo cui si arriva attraverso una depurazione continua”.


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...