martedì 21 gennaio 2020

Nave d’oro


JOSÉ MARÍA ÁLVAREZ

E LA NAVE VA

«Ebbene! Mi dica che le è capitato! esclamò Trotta come parlando in sogno»
JOSEPH ROTH

«Succede dall’altro lato della vita»
LOUIS FERDINAND CÉLINE

Passi nella memoria immagine
sontuosa, con incedere e splendore
di tigre, incantevole, sconvolgente grandezza.
Passi.
Passi.
Come passasti quel giorno
e come poi lo raccontarono
Plutarco, Shakespeare e tanti altri…
Passi, nave d’oro, nave di Cleopatra,
nave degli innamorati,
abbagliando come il sole.

(da Museo delle cere, 1970)

.

A influenzare la lettura di questa poesia di José María Álvarez  sono certamente le due epigrafi: creano un’atmosfera in cui sogno e realtà si intersecano e si separano come creando universi paralleli. Passa allora quella nave d’oro, bellissima e maestosa, l’accecante nave di un amore mitologico  e misterioso.

.

DIPINTO DI VLADIMIR KUSH

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Qualcosa che era nave, solitudine di delfino, / sogno di uomini. / Così è l’Arte.
JOSÉ MARÍA ÁLVAREZ, Museo delle cere




José María Álvarez, (Cartagena, 31 maggio 1942) poeta, saggista e narratore spagnolo. È traduttore di Kavafis, Holderlin, Stevenson, Shakespeare, Villon e T.S. Eliot.


Nessun commento: