giovedì 7 aprile 2016

Un ponte teso

 

FRANCISCO VÉJARVéjar

CIÒ CHE TI OFFRO

Nulla di ciò che t’offro
è irraggiungibile:
cieli e solchi d’uccelli, carezze come nubi
– il tuo cuore che batte inimitabile –
Tutto questo è possibile
senza bisogno di fantasticare.

Altro non siamo che argentate tracce
lasciate dalle chiocciole nei luoghi
visitati nei sogni.
E mai nessuno chiederà in che giorno
o in che mese viviamo.

Un lampo che s’incunea dentro il tempo
è quanto ci rimane da salvare.
L’illusione di stare l’un con l’altro.

Nulla di ciò che t’offro
può sembrare impossibile:
pensieri in volo simili ad uccelli,
un ponte teso fra i nostri due mondi.

(Lo que te ofrezco, da Canciones imposibles, 1998 - Traduzione di Cristina Sparagana)

.

Un amore fatto di realismo magico, di oniriche immagini che possono materializzarsi nella poesia, nell’emozione minima di una iridescente bava di lumaca su una pietra o del mutare continuo delle nuvole o ancora nell’improvviso passaggio di uno stormo di uccelli nel cielo: è quello che ricrea nel lampo effimero di un’illusione il poeta cileno Francisco Véjar (Viña del Mar, 1967).

.

Olbinski

DIPINTO DI RAFAL OLBINSKI

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Vivere nel paese dei tuoi occhi / più nitido dell’ora sgretolata dal tempo, / più lucido e reale.
FRANCISCO VÉJAR, Canciones imposibles

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...