lunedì 22 luglio 2013

La stagione dorata

 

DYLAN THOMASdylan-thomas

DISTESI SULLA SABBIA

Distesi sulla sabbia, l’occhio al giallo
E al grave mare, beffiamo chi deride
Chi segue i rossi fiumi, scava
Alcove di parole da un’ombra di cicala,
Ché in questa tomba gialla di rena e di mare
Un appello al colore fischia nel vento
Allegro e grave come la tomba e il mare
Che dormono ai due lati.
I silenzi lunari, la marea silenziosa
Che lambisce i canali stagnanti, l’arida padrona
Della marea increspata fra deserto e burrasca
Dovrebbero curarci dai malanni dell’acqua
Con una calma d’un unico colore.
La musica del cielo sopra la rena
Risuona in ogni granello che s’affretta
A coprire i castelli e i monti dorati
Della grave, allegra, terra in riva al mare.
Fasciati da un nastro sovrano, sdraiati,
Guardando il giallo, facciamo voti che il vento
Spazzi gli strati della spiaggia e affoghi
La roccia rossa; ma i voti sono sterili, né noi
Possiamo opporci alla venuta della roccia,
E dunque giaci guardando il giallo, o sangue
Del mio cuore, finché la stagione dorata
Non vada in pezzi come un cuore e un colle.

(da Il mondo che respiro, 1939)

.

È un paesaggio idealizzato questo che descrive il poeta gallese Dylan Thomas (1914-1953): pur essendo il mare che fronteggia la casa di Lougharne, da lui chiamata Boathouse, dove si è trasferito dopo il matrimonio con Caitlin, è una visione che si allarga da quel capanno verde sulla spiaggia dove scrive in solitudine per comprendervi l’animo stesso e le sue inquietudini: “Il mio metodo dialettico, così come io lo intendo, è un costante ergersi e crollare delle immagini che si sprigionano dal germe centrale, che è esso stesso distruttivo e costruttivo allo stesso tempo… Dall’inevitabile conflitto delle immagini cerco di concludere quella pace momentanea che è la poesia”.

.

Boathouse

LYNN BLAKE-JOHN, “DYLAN THOMAS BOATHOUSE II”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
La mia poesia è, o dovrebbe essermi, utile per una sola ragione: è il resoconto del mio sforzo individuale per passare dall'oscurità a una qualche misura di luce.
DYLAN THOMAS, Lettere

2 commenti:

Rosanna Bazzano ha detto...

I poeti hanno sovente il sorriso amaro, e una costante coscienza della finitezza dell'attimo immenso…

DR ha detto...

un dono profetico...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...