giovedì 26 aprile 2012

Colmi interstizi del tempo

 

RAINER MARIA RILKE

SONETTI A ORFEO, II,III

Specchi: mai ancora nessuno ha descritto
sapendo quale sia la vostra essenza.
Voi come fitti di fori i crivelli
colmi interstizi del tempo.

Voi che dissipate il vuoto della sala
al tramonto, come boschi, sconfinati...
E cervo ramoso il lampadario attraversa
il vostro varco impenetrabile.

Talvolta siete colmi di pitture.
E pare che alcune trapassino
in
voi,
altre le respingete con timore.

Ma la più bella resterà. Fin quando
nelle sue guance non dischiuse
penetri il chiaro dissolto Narciso.

(da Sonetti a Orfeo, 1922 – Traduzione di Massimo Bacigalupo)

.

Gli specchi entrano spesso nelle poesie e nella letteratura. Memorabile Jorge Luis Borges che in Finzioni scrisse: “Debbo la scoperta di Uqbar alla congiunzione di uno specchio e di un'enciclopedia. Lo specchio inquietava il fondo d'un corridoio in una villa di via Gaona. (…) Scoprimmo (a notte alta questa scoperta è inevitabile) che gli specchi hanno qualcosa di mostruoso. Bioy Casares ricordò allora che uno degli eresiarchi di Uqbar aveva giudicato che gli specchi, e la copula, sono abominevoli, poiché moltiplicano il numero degli uomini”. Abbiamo incontrato un paio di mesi lo specchio che rifletteva Sylvia Plath e la sua enorme inquietudine e ancora prima lo specchio dell’amata, invidiato da Fabio Fiallo. Ora è la volta di un grande del Novecento, il poeta tedesco Rainer Maria Rilke (1875-1926), interprete della spiritualità del mondo e dell’immanenza: mirabile l’immagine del lampadario-cervo – e chi ha visto quei grandi lampadari fatti con le corna nelle case di montagna o della Mitteleuropa potrà apprezzarla ancora di più.

.

HENRI DE TOULOUSE-LAUTREC, “AUTORITRATTO 1880”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Lo specchio non capta altro se non altri specchi, e questo infinito riflettere è il vuoto stesso, (che, lo si sa, è la forma)
.
ROLAND BARTHES, L’impero dei segni

4 commenti:

Vania ha detto...

...diciamo che preferisco..."lo specchi dell'amata"....almeno stamattina.:)))

...ha un che di sconcertante lo specchio per l'Uomo/Uomo.

...tocca delle note incisive/che incidono questa poesia.

ciaooo Vania

DR ha detto...

A me gli specchi non inquietano, mi affascinano certi loro riflessi iridescenti piuttosto

Vania ha detto...

..si Daniele, hai ragione...mi sono dimenticata a volte.

...credo che lo specchio, sia un recipiente che "raccoglie" i nostri anni...e ci figura la verità dei nostri tratti somatici indiscutibilmente.
.... il senso di inquetudine/meraviglia/sconcerto che scrivevo prima era riferito a questo.....Uomo / Donna

...per quanto riguarda invece il "dentro" (specchio come metafora della vita consapevole) ....si può fare senz'altro a meno degli specchi.:)

...P.s....oggi pomeriggio (prima) ho cominciato il mio vecchio specchio con le conchiglie...chissà come verrà ........:)))
...chissà se te lo farò vedere.:)

...e poi gli specchi in casa (Arredamento) anno la facoltà di ingrandire gli ambienti...quindi mi piacciono un sacco...meno pulirli ;))

ciaoo Vania

DR ha detto...

mi incuriosisce lo specchio con conchiglie, due delle cose che più mi intrigano

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...