mercoledì 18 maggio 2016

Fidando nello spago

 

FÉLIX LOPE DE VEGAlope-de-vega

COME IL BIMBO INGANNATO

Come il bimbo ingannato che, contento
tiene legato un uccello screziato,
e lo lascia, fidando nello spago,
spiegare le ali nel tiepido vento,

e quando più a questo piacere è intento,
si rompe la corda e resta burlato
a seguirlo, di lacrime bagnato,
con lo sguardo e il pensieroso tormento,

così fu con te, Amore: la memoria
ti lasciò andare con pensieri vani,
appesi alla forza di un capello.

Prese il vento l'uccello e la mia gioia   
e mi lasciò la corda nelle mani,
che ora mi serve solo per il collo.

(Cual engañado niño, da Rime, 1609)

.

Ah, l’amore… Fonte di illusioni e disillusioni, legato ai capricci del caso e del destino, fugace, effimero: così lo presenta in questo sonetto anche il poeta e drammaturgo spagnolo Félix Lope de Vega (1563-1632), che conobbe molti amori ed ebbe molte spose (trasfigurate in poesia come Marfisa, Belisa e Celia) e ben 14 figli  prima di diventare sacerdote cattolico (e avere al contempo come amante Amarillis, da cui ebbe un’altra figlia).

.

Boy with a Birdcage

CASPAR NETSCHER, “IL BAMBINO CON LA GABBIA”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Credere che un paradiso entri in un inferno / dare la vita e l’anima a un disinganno: / questo è l’amore.
FÉLIX LOPE DE VEGA, RIme

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...