martedì 3 maggio 2016

Dietro il manicomio

 

 

GIORGIO ORELLIOrelli

MI VIENE IN MENTE QUANDO ERI BAMBINA

Mi viene in mente quando eri bambina
e per andare dalle zie passavi
in bici accanto alla rete che cinge
i vasti campi dietro il manicomio,
e ogni volta, aggrappato alla rete,
allegramente un pazzo ti gridava
”Bella bionda perché non vieni a letto
con me?”
e tu non ti fermavi,
non rispondevi,
non eri bionda e non avevi
nessuna voglia di andare a dormire.

(da Il collo dell’anitra, Grazanti, 2001)

.

Cinque “non” sono protagonisti di questa poesia: è lo stesso autore, il poeta svizzero Giorgio Orelli (1921-2013) a sottolinearlo: “I miei non in questa poesia sono sorridente misura della distanza tra l‘innocenza e la follia: il non del pazzo è molto diverso da quelli che seguono”. E così, nell’ironica ambiguità leggera e comica caratteristica delle opere di Orelli, risalta la disarmante innocenza.

.

Gusev

  VLADIMIR GUSEV, “ON PATRIARCHAL POND 3”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Doveva essere un bell'originale chi ha inventato l'innocenza dei bambini.

IVY COMPTON-BURNETT, Un dio e i suoi doni

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...