mercoledì 9 dicembre 2015

La mia anima marina

 

MARGHERITA GUIDACCIGuidacci

LA CONCHIGLIA

Non a te appartengo sebbene nel cavo
della tua mano ora riposi, viandante;
né alla sabbia da cui mi raccogliesti
e dove giacqui lungamente,
prima che al tuo sguardo
si offrisse la mia forma mirabile.
Io compagna d’agili pesci e d'alghe
ebbi la vita dal grembo delle libere onde.
E non odio né oblio ma l'amara tempesta me ne divise.
Perciò si duole in me l’antica patria e rimormora
assiduamente e ne sospira la mia anima marina,
mentre tu reggi il mio segreto sulla tua palma
e stupito vi pieghi il tuo orecchio straniero.

(da Paglia e polvere, 1961)

.

Come la poetessa Margherita Guidacci (1921-1992) sono affascinato dalle conchiglie: anni fa scrissi che a colpirmi in quell’ammasso calcareo più che la forma, più che l’iridescenza, la lucentezza o la levigatezza del mantello è la loro provenienza da quel mare cui tutti noi siamo ancestralmente legati. Vale anche per questi versi, che ricordano quegli antichi epitaffi dei poeti greci presenti nell’Antologia Palatina.

5124conch_shell

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Ho una vasta collezione di conchiglie, che tengo sparse per le spiagge di tutto il mondo.
STEVEN WRIGHT, I have a pony

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...