martedì 15 dicembre 2015

Il grigio cielo


 

KO UN

VERSI SCRITTI IN SOGNO LA NOTTE SCORSA


Là in cima all’albero,
guarda l’uccello che vi si è posato.
Là in cima all’albero,
guarda l’uccello che vola via dopo essersi posato.
Dopo che l’uccello è volato via,
guarda il punto in cima rimasto vuoto,
E poi, la vasta vacuità.
Guarda il grigio cielo.


(da L’isola che canta, Lietocolle, 2009 – Traduzione di Vincenza D’Urso)


La Sinfonia n. 45 in Fa diesis minore di Franz Josef Haydn, nota come “Sinfonia degli addii”, si conclude con un adagio finale in cui i musicisti smettono a turno di suonare e abbandonano la sala lasciando solo due violini in sordina. Questa poesia del sudcoreano Ko Un (Kunsan, 1933) mi ha ricordato quel brano, infatti c’è lo stesso anticlimax: gli oggetti poetici abbandonano uno alla volta la scena, lasciando infine il vuoto di un cielo, tra l’altro non azzurro ma grigio.
 
FOTOGRAFIA © NATURE’S DESKTOP
.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Io sogno. / Ieri / non è oggi. / Oggi / Non è domani. / Ma io sogno il domani.
KO UN


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...