sabato 19 luglio 2014

Adesso, in questo momento

 

NAZIM HIKMETHikmet

CHE STA FACENDO ADESSO?

Che sta facendo adesso
adesso, in questo momento?
È a casa? per la strada?
Al lavoro? In piedi? Sdraiata?
Forse sta alzando il braccio?
Amor mio
come appare in quel movimento
il polso bianco e rotondo!
Che sta facendo adesso
adesso, in questo momento?
Un gattino sulle ginocchia
lei lo accarezza.
O forse sta camminando
ecco il piede che avanza.
Oh i tuoi piedi che mi son cari
che mi camminano sull’anima
che illuminano i miei giorni bui!
A che pensa?
A me? o forse… chi sa
ai fagioli che non si cuociono.
O forse si domanda
perché tanti sono infelici
sulla terra.
che sta facendo adesso
adesso, in questo momento?

1944

(da Lettere dal carcere a Munevver – Traduzione di Joyce Lussu)

.

È una bella poesia d’amore questa che il poeta turco Nazim Hikmet (1901-1963) scrisse dal carcere di Bursa all’amata Munevver: è l’ansia di ogni innamorato che vive lontano, che si deve affidare all’immaginazione per congetturare che cosa stia facendo l’altro in quel preciso momento, che siano pensieri elevati o pratiche contingenze di ogni giorno.

.

Hill

AMY HILL, “DONNA CON GATTO”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Chi sa, forse non ci ameremmo tanto / se le nostre anime non si vedessero da lontano / non saremmo così vicini, chi sa, / se la sorte non ci avesse divisi.
NAZIM HIKMET

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...