mercoledì 6 agosto 2014

Narcisi

 

WILLIAM WORDSWORTHth (1)

I NARCISI

Vagavo solo, come una nuvola
che galleggia in alto sopra le valli e le colline,
quando tutto d'un tratto vidi una folla,
una moltitudine di dorati narcisi;
accanto al lago, sotto gli alberi,
fluttuanti e danzanti nella brezza.

Continui come le stelle che splendono
e scintillano nella Via Lattea,
si stendevano in una linea infinita
lungo il margine della baia:
diecimila ne vidi subito,
scuotere le loro teste in vivace danza.

Le onde ballavano al loro fianco; ma loro
superavano le scintillanti onde in allegria:
un poeta non poteva che essere felice,
in una così gioconda compagnia.
Li fissavo e fissavo ma pensavo poco
alla ricchezza che quello spettacolo mi aveva portato.

Poiché spesso, quando nel mio giaciglio, sdraiato,
in vagabonda o pensierosa maniera,
essi balenano a quell'occhio introspettivo,
che è la beatitudine della solitudine;
allora, il mio cuore si colma di piacere
e danza con i narcisi.

(da Duty, Intimations of Immortality, 1807)

 


La poesia è meraviglia. Ed è in questa meraviglia che il poeta romantico inglese William Wordsworth (1770-1850) si imbatte durante una passeggiata: l’apparizione di un esteso campo di narcisi è la manifestazione stessa della bellezza, in quell’armonia con la natura che è un canone prettamente romantico. Una bellezza che non è fine a se stessa, ma che permane nell’intimo umano, che rimane con tutto il suo fascino nel cuore ed è in grado di scacciare la tristezza.

.

Sunny-Daffodils-1600x2560

FOTOGRAFIA © WALLPAPERSAS

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Un’emozione in un bosco a primavera / Può insegnarti di più sull’uomo, / Di più sul bene e sul male, / Di quanto possano tutti i sapienti.
WILLIAM WORDSWORTH, Ballate liriche

4 commenti:

Greta ha detto...

Questa poesia mi ha fatto tornare agli ani dell'università, quando dovevo preparare il primo esame di letteratura inglese. Che bello il romanticismo inglese!
Senza nulla togliere a Wordsworth, personalmente preferisco Coleridge...

DR ha detto...

Preferisco anch'io Coleridge: più misterioso, più complicato

Vania ha detto...

...un "Grande Teatro" !

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

un palcoscenico naturale

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...