domenica 7 settembre 2014

La piccola cosa acclamante

 

DARIA MENICANTI

LA FESTA DEL GRILLO

Questo me l’han portato dal Galluzzo.
È d’uso nelle serenate
dell’Ascensione depredare i campi
fare gabbie di grilli.
Entro ciascuna
trema la piccola cosa acclamante
di stelle e luna
fino alla sua sorte.
Ma il mio. Lo lascio sulla via Marcello:
- Caro, l’avverto, ti contenterai
di un povero giardino di città. –
E gli apro la guardiola. Io non ignoro
quanto amino la libertà i poeti.

(da Ferragosto, 1986)

.

La festa del grillo è una tradizione fiorentina per l’Ascensione: in tale occasione – un tempo, almeno, finché la coscienza animalista non ha consigliato di sostituire l’insetto con un congegno meccanico – si rinchiudeva un grillo in una gabbietta di legno. È quello il grillo che impietosisce Daria Menicanti (1914-1995): la poetessa avverte in quel piccolo insetto un suo simile, un piccolo poeta che canta alle stelle e alla luna, e gli ridona libertà lasciandolo nel piccolo parco verde di Via Benedetto Marcello, non lontano dalla Stazione Centrale di Milano.

.

cricket

SARA SANDERSON, “CRICKET”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Secondo me il poeta non è uno che merita di essere ammirato perché crea. È uno che merita di essere ringraziato perché libera. Lui non crea niente. Fa nascere ciò che altri ha concepito. Esonera dal travaglio del parto. Mette a nudo creature che non gli appartengono.
DON TONINO BELLO, Alfabeto della vita

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...