martedì 8 aprile 2014

La pelle levigata degli oggetti

 

ADAM ZAGAJEWSKI

DALLA VITA DEGLI OGGETTI

La pelle levigata degli oggetti è tesa
come la tenda di un circo.
Sopraggiunge la sera.
Benvenuta, oscurità.
Addio, luce del giorno.
Siamo come palpebre, dicono le cose,
sfioriamo l'occhio e l'aria, l'oscurità
e la luce, l'India e l'Europa.

E all'improvviso sono io a parlare: sapete,
cose, cos'è la sofferenza?
Siete mai state affamate, sole, sperdute?
Avete pianto? E conoscete la paura?
La vergogna? Sapete cosa sono invidia e gelosia,
i peccati veniali non inclusi nel perdono?
Avete mai amato? Vi siete mai sentite morire
quando di notte il vento spalanca le finestre e penetra
nel cuore raggelato? Avete conosciuto la vecchiaia,
il lutto, il trascorrere del tempo?

Cala il silenzio.
Sulla parete danza l'ago del barometro.

(da Della vita degli oggetti – Poesie 1983-2005, Adelphi, 2012)

.

Il visibile e l’invisibile, la luce che dà forma agli oggetti di tutti i giorni: scende la sera, arriva il buio e la percezione cambia. Da qui prende spunto il poeta polacco Adam Zagajewski (Leopoli, Ucraina, 1945) per ragionare sul destino umano, sul vivere, sulle emozioni che quegli oggetti inanimati non hanno e che ci fanno umani.

.

atelier-giorgio-morandi-grizzana

FOTOGRAFIA © ATELIER GIORGIO MORANDI – GRIZZANA

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
L'occhio non vede cose ma figure di cose che significano altre cose.
ITALO CALVINO, Le città invisibili

2 commenti:

Vania ha detto...

.."partecipare/partecipe alla vita"..ecco come definisco questa poesia.

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

...che è appunto caratteristica umana

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...