lunedì 17 febbraio 2014

Che è restato?

 

JAROSLAV SEIFERTB·snIk Jaroslav Seifert,laure·t st·tnI ceny Klementa Gottwalda

CANZONE SUI RIFIUTI

Che è restato di quei bei momenti?
           Il brillio degli occhi,
           una goccia di profumo,
           qualche sospiro sul bavero,
           il respiro sul vetro,
           una briciola di lacrime
           e un’unghia di tristezza.

E poi, dovete credermi, quasi più nulla.
           Un pugno di fumo,
           qualche sorriso al volo
           e un po’ di parole
           che rotolano in un angolo
           come rifiuti
           sospinti dal vento.

E non vorrei dimenticare:
           tre fiocchi di neve.

           Questo è tutto.

(da Concerto sull’isola, 1965 – Traduzione di Sergio Corduas)

.

Ma davvero tutto quello che rimane di un amore è catalogabile in così poco? Davvero lo si può ridurre a un inventario come quello che fa il Premio Nobel ceco Jaroslav Seifert (1901-1986)? Be’, in fondo quel che sembra così poco è in fondo una raccolta di momenti, di emozioni, sono i ricordi che più a fondo si sono impressi nel cuore, sentimenti, meraviglie, discorsi, tenerezze.

.

amore-finito

FOTOGRAFIA DAL WEB

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il bacio colpisce come la folgore, l'amore passa come un temporale, poi la vita torna a calmarsi come il cielo e ricomincia come prima. Si può ricordare una nuvola?
GUY DE MAUPASSANT, Pierre e Jean

3 commenti:

Vania ha detto...

..spazio...spazio ...ci vuole spazio per tutto.

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

tanto spazio, tanti ricordi

Rosanna Bazzano ha detto...

e meno male… :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...