sabato 27 febbraio 2016

Inventerò per te la rosa

 

LOUIS ARAGONAragon

TUTTE LE PAROLE DEL MONDO

Quando tutte insieme le parole del mondo ti avrò dato
Tutte le foreste d’America e tutte le messi notturne del cielo
Quando ti avrò dato ciò che brilla e ciò che l’occhio non può vedere
Tutto il fuoco della terra come una coppa di lacrime
Il seme maschile delle specie diluviane
E la mano di un bambino
Quando ti avrò dato il caleidoscopio dei dolori
Il cuore in croce le membra spezzate
L’arazzo immenso delle genti torturate
Gli scorticati vivi sul palco del supplizio
Il cimitero sventrato degli amori sconosciuti
Tutto ciò che trasportano le acque sotterranee e le vie lattee
La grande stella del piacere nell’infermo più miserabile
Quando ti avrò dipinto questo vago paesaggio
In cui le coppie si fanno fotografare alle fiere
Pianto i venti per te cantano fino a spezzarmi le corde
La messa nera dell’Adorazione perpetua
Maledetto il mio corpo e maledetta la mia anima
Bestemmiato l’avvenire e bandito il passato
Fatto di tutti i singhiozzi un carillon
Che dimenticherai nell’armadio
Quando non vi saranno più usignoli negli alberi a furia di lanciarli ai tuoi piedi
Quando non vi saranno più metafore in una mente folle per fartene un fermacarte
Quando sarai sfinita dal culto mostruoso che ti tributo
Quando non avrò più voce né ventre né volto e piedi e mani non avran più spazio per i chiodi
Quando tutti i verbi umani avranno infranto nelle mie dita il loro vetro
E la mia lingua e il mio inchiostro saranno inariditi come una stazione sperimentale per razzi interplanetari
E i mari non si saranno lasciati dietro che il candore accecante del sale
Così che il sole abbia sete e la luce oscilli su quel pavimento di cristallo
Lo scisto spento il firmamento amorfo e l’essere per sempre spossato dalle mutazioni

Io inventerò per te la rosa

(Toutes les paroles du monde, da Elsa, 1959 - Traduzione di Francesco Bruno)

.

Una serie lunghissima di ripetizioni e di immagini che provano a descrivere l’infinito delle possibilità, a delimitare gli effetti dei paradossi in tipico stile surrealista: ma alla fine, dice il poeta francese Louis Aragon (1897-1982) all’amata Elsa Triolet, sopra a tutto ciò rimane solo una cosa da fare, “inventare per te la rosa”, illuminare l’amore con la luce della poesia.

.

Magritte

RENÉ MAGRITTE, “LA TOMBA DEI LOTTATORI”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il mio canto non può rifiutarsi di esistere; perché è un’arma per l’uomo disarmato, perché è l’uomo stesso, la cui ragione d’essere è la vita
.
LOUIS ARAGON, Les yeux d’Elsa

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...