mercoledì 23 settembre 2015

D’oro regale

 

JUAN RAMÓN JIMÉNEZ

STAMPA D'AUTUNNO

Verdeoro il gelsomino,
oro vecchio, il tramonto,
oronere le foglie secche
giacenti sull'acqua dorata; colmo
di sole d’oro il cuore senza nome,
d’oro il nero merlo,
ciechi gli occhi di Diana infranta
e la pura tristezza del suo sesso.

La sera in fiamme
come un tesoro. D’oro regale
è il cammino indolente della carne
e dei sogni l'esilarato errare.

(da Poemas mágicos y dolientes, 1909 – Traduzione di Oreste Macrì)

.

L’equinozio alle 10.21 di questa mattina ci porta nell’autunno, la dolce stagione dell’oro e delle nebbie, gonfia di una languida malinconia stemperata nei colori del fogliame, che qui il Premio Nobel spagnolo Juan Ramón Jiménez (1881-1958) stende con la tavolozza delle parole.

.

Afremov

LEONID AFREMOV, “SILENCE OF THE FALL”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Non passa l'estate, no. / Arde, piuttosto, in mille braci: / l'autunno è la sua umida fiamma
.
EDUARDO MITRE, Versi d’autunno

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...