domenica 15 gennaio 2017

Una scimmia ammaestrata

 

ÁNGEL GONZÁLEZ

ARTRITE METAFISICA

Ogni donna mi ha sempre preso per il naso
(per non parlare di altre appendici).

Incatenato
come una scimmia ammaestrata,
ho saltato di letto in letto.

Quante allegre riverenze,
quanti equilibrismi alti e difficili,
quante agili acrobazie,
quante risate!

Anche se era uno spettacolo esilarante,
c’è stato chi si è lamentato delle mie piroette,
il che non è affatto strano:
in un simile stato di trance
io stesso
mi sono spezzato l’anima in più di un’occasione.

È un peccato che questi colpi
che, presi dall’ebbrezza del volo,
allora quasi non sentimmo,
certe sere adesso,
d’autunno,
quando minaccia pioggia
e viene il freddo,
tornino a dolere tanto nell’anima;
rinnovato dolore che non permette
di conciliare il sonno interrotto.

In queste condizioni non c’è rimedio:
né il balsamo fallace della nostalgia,
né il più saldo conforto dell’oblio.

(da Prosemi o meno, 1985)

.

Lo scorrere del tempo è un tema ricorrente nei versi del poeta spagnolo Ángel González (1925-2008): gli amori vissuti e finiti sono passati attraverso la sua lente – più ci si allontana più si vede chiaro nel passato, si giudica meglio da una certa distanza. Così si ritrova ad affrontare questo dominio, questa sottomissione amorosa in cui non si è mai risparmiato, in cui ha piacevolmente volato di letto in letto come una scimmia ammaestrata. Quello che non aveva messo in conto è che il tempo avrebbe richiesto un giorno il suo compenso…

.

Bruegel

PIETER BRUEGEL IL VECCHIO, “DUE SCIMMIE INCATENATE”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Quel tempo / non lo facemmo noi; / fu esso a disfarci.

ÁNGEL GONZÁLEZ, Prosemi o meno

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...