martedì 17 gennaio 2017

Fuggiasco come me

 

RAFFAELE CARRIERI

QUALCUNO CHE MI SOMIGLIA

Una sera sul Quai Voltaire
Qualcuno che mi somiglia
Verrà a ricominciare
L'intesa delle ciglia.
Qualcuno che mi somiglia
Fuggiasco come me
T'ingannerà coi suoni
Rochi del fiume.
Qualcuno che mi somiglia
Ti piegherà a giunchiglia.

(da Canzoniere amoroso, 1958)

.

L’estraniamento è una cifra costante nell’opera del poeta tarantino Raffaele Carrieri (1905-1983): fuggiasco, vagabondo lunghi anni per vari paesi senza mai accasarsi, è ben rappresentato da quel vuoto, da quell’assenza incarnata da un altro – “qualcuno che mi somiglia” - che porta a compimento quell’amore che lui, proprio per questo suo nomadismo non solo fisico, non ha saputo cogliere.

.

Boubat

FOTOGRAFIA © EDOUARD BOUBAT

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
La poesia sei tu, il tuo sangue, i tuoi occhi, il tuo passato e il tuo presente. Quel che è rimasto da tutto ciò che volevi essere.
RAFFAELE CARRIERI, La giornata è finita

2 commenti:

Vania ha detto...

...una "preghiera".

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

la consapevolezza di non poter dare quello che viene chiesto

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...