martedì 25 marzo 2014

Il fiore di ciliegio

 

KI NO TSURAYUKIKi No Tsurayuki

FIORE DI CILIEGIO

Il fiore di ciliegio
non mi pare
che cada presto:

il cuore umano, invero,
muta senza aspettare il vento.

.

Questo waka di Ki No Tsurayuki (872-945), il poeta giapponese che antologizzò la poesia classica del suo paese sul principio del X secolo nel Kokinshū, è uno dei migliori esempi dell’uso della metafora naturalistica – si pensi a tanti haiku – ed è uno dei motivi estetici principali dei versi di Tsurayuki, che per primo si avvalse di quello che sarebbe in seguito diventato un cliché caratteristico della poesia giapponese. Ed è la grandezza di queste poche sillabe: il confronto tra il volo leggero dei petali di ciliegio che il vento di primavera strappa alla pianta e la volubilità imprevista dell’animo umano.

.

cherry-blossom_1600x12001

FOTOGRAFIA © AUNTIE DOGMA

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Su nulla abbiamo meno potere che sul nostro cuore, e, lungi dal comandarlo, siamo obbligati ad obbedirgli.
JEAN-JACQUES ROUSSEAU

2 commenti:

Federica ha detto...

Quanto amo gli haiku, hanno il pregio di dire molto (e far riflettere) un poche parole.
Quello che vorrei facessero molte persone.
A presto, Federica
Che giornata noiosa di pioggia, oggi...

DR ha detto...

gli haiku sono l'esempio dell'estrema forza della sintesi, poesia concentrata.

Qui sospesi tra sole e nuvole, languore primaverile

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin