martedì 16 giugno 2009

Poesia e dialetto: Vann'Antò

Giovanni Antonio Di Giacomo, noto con lo pseudonimo di Vann'Antò, nacque a Ragusa nel 1891. La sua opera poetica conta una bella serie di tre raccolte in dialetto siciliano, di ispirazione popolaresca e contadina - lui, combattente sul Carso tra il 1915 e il 1918, era però professore di Letteratura delle tradizioni popolari all'Università di Messina.

La poesia di Vann'Antò è schietta, genuina, fraternamente condivisa con quella gente semplice e umile della quale condivise sentimenti e intimi moti. Nei toni di adesione alla natura, quasi sempre pacati, ma qua e là realisticamente scabri, riesce a esprimere l'immediatezza e la robustezza della vita contadina.

M'AMA LA BELLA MIA

" M'ama la bella mia, sempri m'arriri: 
quannu vuògghiu, rispunni a la ciamata. " 
" A la mia bella ci manca la firi, 
nun ci po' crirri, no, ri quantu è amata. " 

" La mia bella è 'nu specciu, ca t'ammiri 
e la to' fiura c'è sempri stampata... " 
" La mia gioia si viri e nun si viri: 
e primavera 'n mienzu a l'invirnata. " 

" Iu vincii ni la ddutta ri l'amuri 
ccu 'n attu ri curaggiu, cuomu fa 
(vitti e sparau) lu bravu cacciaturi. " 

" L'anima mia tenaci aspetta: sa 
ch'è cciú vivu l'affettu nel duluri 
cuomu la fiamma ni l'oscurità! "
 

M'AMA LA BELLA MIA

M'ama la bella mia, sempre sorride:
quando voglio, risponde alla chiamata.
Alla mia bella manca la fede,
non può credere, no, quanto sia amata.

La mia bella è uno specchio, che ti guardi
e la tua figura è sempre riflessa...
La mia gioia si vede e non si vede:
fa primavera in mezzo all'inverno.

Io ho vinto nella lotta dell'amore
con atto di coraggio come fa
(vide e sparò) l'abile cacciatore.

L'anima mia tenace aspetta: sa
che è più vivo l'affetto nel dolore
come la fiamma nell'oscurità.

da «Voluntas tua», 1926

 

'A PICI, I

- Bedha, cchi duormi pràcita e latina!
cuomu na pupa, ca nun ha pinsieri:
la facciuzza ri cira quant'è fina,
cira ca lu so sciàuru è di meli.

Iu mi susii cciù prima stamatina,
li sonna miei nun ci fuorru sinceri!
tuttannotti ca fu vota e rimina,
pinsirazzi cciù amari ri lu feli.

Lu sancu squetu cch'è ca rivugghia,
n'sàcciu l'arma cchi avìa pena e diluri;
ruormi, ca sî filici, bedha mia!

Nun t'arrusbigghi si nun è lu Suli,
ch'è lu to amanti e n'happi gilusia,
cà travagghiu a lu scuru, pirriaturi.

LA PECE, I

Come placida dormi, Bella, e lieve!
come una bambola, che non ha pensieri;
la facciuzza di cera quant'è fina,
cera che l'odore suo è di miele.

Mi sono levato prima io stamattina:
non sono stati i miei sonni sinceri!
tutta la notte a voltarmi e pestare
tristi pensieri più amari del fiele.

Il sangue inquieto che mai ribolliva?
Non so il cuor che avea pena e dolore....
Dormi, felice sei tu, bella mia.

Non ti svegli se non è il Sole
ch'è il tuo amante e n'ho avuta gelosia,
poi che lavoro al buio, minatore.

da «'A Pici», 1958

 

BIBLIOGRAFIA

Voluntas tua, De Alberti, Roma 1926
Il fante alto da terra, Principato, Milano 1932
Indovinelli popolari siciliani, Sciascia, Caltanissetta 1954
La Madonna nera, LEU, Messina 1955
U vascidduzzu, Il Fondaco, Messina, 1956
'A Pici, Paolino, Ragusa 1958
La Baronessa di Carini, D'Anna, Messina 1958

Strada

Strada di Ragusa Ibla

 

*  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *
LA FRASE DEL GIORNO
Amore, fascinoso Amore, la campagna è il tuo tempio.
JEAN-FRANÇOIS DE SAINT-LAMBERT, La primavera

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...