lunedì 24 marzo 2014

Fosse Ardeatine, 70 anni

 

ALFONSO GATTO

IL RACCONTO

Kappler-faccia tagliata venne per testimone
a raccontarci il massacro.
Si disse fanatico e sacro
nella sua grande fatica
d'abbattere ostaggi, un portone
di buio aperto dai fari
la cava di Roma antica.

Su quel trofeo di vendetta
- sempre più deboli i forti
ciechi nel giallo alone
del tufo in polvere - in vetta
lui solo a sparare per tutti
i carnefici arresi all'orrore,
lui solo totale furore
di mazza sugli innocenti.
E tacquero i venti,
il silenzio non era del mondo
ma di quel sangue assetato.

Kappler-faccia tagliata parlava in tedesco,
il pubblico zitto
l'interprete muto.
Nessuno guardava più in giro,
tutti fissi in un punto, quel punto:
Kesselring, il viso compunto
nell'ordine, il fatto compiuto.
E nulla andò perduto
di quelle parole, io non le riesco
a staccare da me - e non da me, ma dal fitto
del petto con cui le respiro.
Blut diceva il sangue e tu-fo il tufo come noi,
mostrando fra le sue dita
la gialla arenaria che frana
su quella morte impaurita,
sulla giustizia vana
che lascia parole.

All'Appia antica se il sole
rallegra la via
e s'odono i passi perduti
dei morti cristiani,
ricorda gli eterni minuti
di questo supplizio. Domani
i giusti saranno con noi
nel tempo che i morti non hanno.
Or la pietà dell'inganno
vi chiude le tombe già aperte
perché la morte vi opprima
col peso di tutte le offerte,
col senno di poi.
Per altri innocenti, per altro furore
s'accenda la prima
la stessa parola d'amore
che ci fu tolta: domani.

(da La storia delle vittime, 1966)

.

“Ad ascoltarlo [Kappler] erano tutti fissi dai propri banchi: egli descriveva la scena delle esecuzioni, esaltandosi alle sue stesse parole, stancandosi della fatica del massacro come allora, ma senza rompere l'equilibrio necessario… Erano queste stesse precisazioni che spiegavano l'episodio del massacro nel suo svolgimento e lo rendevano terribilmente vero”: Alfonso Gatto (1909-1976) seguì come giornalista del Mattino del popolo di Venezia il processo ad Albert Kesselring e Herbert Kappler, responsabili dell’eccidio delle Fosse Ardeatine, compiuto come rappresaglia dai tedeschi il 24 marzo 1944, all'indomani dell’attentato di Via Rasella nel quale i partigiani uccisero 33 soldati nazisti. Fu una vera e propria strage a sangue freddo: i tedeschi, dopo averli portati nelle cave di pozzolana sull’Ardeatina, uccisero dieci italiani per ogni loro soldato, sbagliando anche i calcoli poiché le vittime furono 335, rastrellate nelle carceri di Via Tasso e di Regina Coeli – in particolare partigiani, monarchici, massoni ed ebrei -  e tra i detenuti in attesa di giudizio anche per reati non politici. Poi fecero saltare la cava con le mine per sigillarla. Fu una delle crudeltà più impressionanti e gratuite dell’intera guerra, che lasciò un segno profondo nella coscienza della nuova Italia.

.

800px-Roma-fosseardeatine6

ROMA, FOSSE ARDEATINE © ANTMOOSE

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Quanto poté durare il tuo martirio / nelle sinistre Fosse Ardeatine / per mano del carnefice tedesco / ubriaco di ferocia e di viltà? / Come il lungo calvario di Gesù / seviziato, deriso e sputacchiato / nel suo ansante sudor di sangue e d'anima / fosse durato, o un'ora o un sol minuto; / fu un tale peso pel tuo cuore umano, / che avrai sofferto, o figlio, e conosciuto / tutto il dolor del mondo in quel minuto.
CORRADO GOVONI, Aladino, lamento su mio figlio morto

2 commenti:

Paolo ha detto...

Gran poeta Gatto. La pubblico da me .

DR ha detto...

perfetto

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin