domenica 5 agosto 2012

Marilyn

 

ERNESTO CARDENAL

PREGHIERA PER MARILYN MONROE

Signore
accogli questa ragazza conosciuta in tutta la terra con il nome di Marilyn Monroe
anche se questo non era il suo vero nome
(ma Tu conosci il suo vero nome, quello dell’orfanella violentata a 9 anni
e la piccola commessa che a 16 aveva voluto ammazzarsi)
e che adesso si presenta davanti a Te senza nessun maquillage
senza il suo Addetto Stampa
senza fotografi e senza firmare autografi
sola come un astronauta davanti alla notte spaziale
Essa sognò da bambina che si trovava nuda in una chiesa
(secondo quel che racconta di Time)
davanti a una folla prostrata, con le teste sul pavimento
e doveva camminare in punta di piedi per non pestare le teste.
Tu conosci i nostri sogni meglio degli psichiatri.
Chiesa, casa, antro, sono la sicurezza del seno materno
ma anche qualcosa più di ciò...
Le teste sono gli ammiratori, è chiaro
(la massa di teste al buio sotto il fiotto di luce).
Ma il tempio non sono gli studi della 20th Century Fox.
Il tempio – in marmo e oro – è il tempio del suo corpo
in cui sta il Figlio dell’Uomo con una frusta in mano
a cacciare i mercanti della 20th Century Fox
che hanno fatto della Tua casa di preghiera un covo di ladri.
Signore
in questo mondo contaminato di peccati e di radioattività
Tu non incolperai soltanto una piccola commessa.
Che come ogni piccola commessa ha sognò di essere una stella del cinema.
E il suo sogno divenne realtà (ma come la realtà del technicolor)
Essa non fece altro che agire secondo il copione che le demmo
- Quello delle nostre stesse vite – Ed era un copione assurdo.
Perdonala Signore e perdona noi
per la nostra 20th Century
per questa Colossale Super-Produzione nella quale tutti abbiamo lavorato.
Essa aveva fame di amore e le abbiamo offerto tranquillanti.
Per la tristezza di non essere santi
le venne raccomandata la Psicoanalisi.
Ricorda Signore la sua paura crescente della macchina da presa
e l’odio per il maquillage – mentre insisteva a truccarsi ad ogni scena –
e come divenne più grande l'orrore
e più grave la mancanza di puntualità negli studi.
Come ogni piccola commessa
sognò di essere una stella del cinema.
E la sua vita fu irreale come un sogno che uno psichiatra interpreta e archivia.
Le sue storie d'amore furono un bacio con gli occhi chiusi
che quando si aprono gli occhi
si scopre che è stato sotto i riflettori
e spengono i riflettori!
e smontano le due pareti della stanza (era un set cinematografico)
mentre il Regista si allontana col suo quaderno
perché la scena è ormai stata girata.
O come un viaggio in yacht, un bacio a Singapore, un ballo a Rio
il ricevimento nella dimora del Duca e della Duchessa di Windsor
visti nella stanzetta dell’appartamento miserabile.
Il film terminò senza il bacio finale.
La trovarono morta sul letto con una mano sul telefono.
E i detectives non seppero chi stava per chiamare.
Fu
come uno che ha fatto il numero dell’unica voce amica
e sente solo la voce di un disco che gli dice: WRONG NUMBER.
O come uno che ferito dai gangsters
allunga la mano verso un telefono staccato.
Signore
chiunque fosse quello che stava per chiamare
e non chiamò (e forse non era nessuno
o era Qualcuno il cui numero non sta nella Guida Telefonica di Los Angeles)
rispondi Tu al telefono!

(Traduzione di Antonio Melis)

.

Marilyn Monroe se ne andò da questa terra cinquant’anni fa, la notte del 5 agosto 1962. Secondo la versione ufficiale, alle 3.30 la governante bussò alla porta dell’attrice, vedendo la luce accesa, ma non ebbe risposta; chiamò allora Ralph Greenson, lo psichiatra della Monroe, che entrò e constatò il decesso, dovuto all’ingestione di 47 pasticche di Nembutal. Suicidio, omicidio per conto della mafia o dei Kennedy, complotti vari o qualsiasi cosa accadde, un minuto dopo essere morta Marilyn Monroe entrò nel mito, rimanendo per sempre la bionda trentenne di tanti film di successo, penetrando nell’immaginario di tanti che non erano neppure nati quando accadde il fatto. Il poeta-sacerdote nicaraguense Ernesto Cardenal (Granada, 1925) ricostruisce come un giornalista la vita dell’attrice, raccontandone i tormenti, i drammi, i dolori, quasi per cercare lì la risposta alla sua tragica fine.

.

MARILYN MONROE NEL 1962 © GEORGE BARRIS

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Dalla morte di Marilyn Monroe, non ci sono più state dee dell'amore
.
PETER BOGDANOVICH, Chi c’è in quel film?

2 commenti:

Vania ha detto...

...cercare la risposta...si.

...credo che questo uomo/poeta/scrittore....abbia "voluto bene" a questa Donna.

ciaoo Vania

DR ha detto...

mi sa che tutti abbiano voluto bene a Marilyn, anche noi che siamo nati dopo il 1962

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...