giovedì 30 agosto 2012

Bei monti della sera

 

ALFONSO GATTO

AI MONTI DI TRENTO

Bei monti della sera
azzurra è già l'Italia...

Penso a mia madre sola con la luna
nella notte d'ottobre, ancora estiva
la brezza muove i suoi capelli, imbruna
sulle case d'intorno...

Così la chiara spera
dei monti a lungo ammalia
nei pascoli la sera.
Odora già l'Italia
di polvere e di rose.

Era la luna ancora effusa al giorno,
mia madre a lungo sul mio capo pose
le mani e disse: “Vedi, a noi d'intorno
il tempo s'è fermato...”

Bei monti della sera
azzurro è il mio passato.

(da Arie e ricordi, 1941)

.

La sera cade sui monti come un mantello di luce che li veste a lungo in un gioco di riflessi e di colori che sfumano sempre più fino al crepuscolo. Sulle Dolomiti c’è addirittura un termine per indicare il variare dal rosa al rosso al viola del cielo sulle particolari rocce formate di dolomia, la “enrosadira”. È un lungo tramonto che non vuole mai finire, e al poeta Alfonso Gatto (1909-1976), complice il profumo delle rose e il limpido chiarore dell’aria, porta alla mente il ricordo della madre: come su quei monti trentini il tempo sembra improvvisamente fermo, così nella memoria l’attimo si è cristallizzato e illumina con la sua luce tutta la vita del poeta.

.

ENROSADIRA SUL LATEMAR - FOTOGRAFIA © AFRANK99

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Credo anch'io che la nostra vita e le nostre percezioni si sviluppino a partire da un groviglio di ricordi sommersi. Forse quello che chiamiamo anima non è se non l'insieme di questi oscuri detriti di ricordi.
HERMANN HESSE, Pellegrinaggio d’autunno

5 commenti:

Vania ha detto...

...bella...suggestiva...colorata di indelebili emozioni.

ciaoo Vania

enrosadira...però!!!:))..ho messo 2 minuti a scriverla questa parola.:))

DR ha detto...

dialetto ladino

Asia ha detto...

Il piacere di leggerti Renoir, ciao Asia

Federica ha detto...

Che bella! Mi sembra di vederle quelle immagini e di sentire il profumo delle rose.
Mi viene tanta nostalgia,anche perché sono appena tornata dal Trentino... questa poesia la leggerò molte e molte volte.
A presto, Federica

DR ha detto...

Grazie, Federica. Ho visto le fotografie dal Trentino sul tuo blog e riconosciuto Salorno, dove andavo a sparare al poligono ai tempi del servizio militare.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...