venerdì 22 luglio 2011

Il viaggio di Matsuo Bashō

 

L’haiku ha in Matsuo Bashō (1644-1694) uno dei quattro maestri riconosciuti – gli altri sono Yosa Buson, Isa Kobayashi e Masaoka Shiki. Ma Bashō è sicuramente il primo a innovare il genere tipico della poesia giapponese, lo traghetta verso una forma più raffinata, introduce l’uso della lingua comune. Fu poeta viaggiatore e una delle sue raccolte più interessanti è senza dubbio un diario di viaggio, Oku no Hosomichi (奥の細道, Lo stretto sentiero per il profondo Nord), scritto nel 1694, ma pubblicato postumo nel 1702. È il resoconto in prosa e poesia di un viaggiatore attento che cerca di cogliere e comunicare agli altri l’essenza poetica dei luoghi che visita, il contesto sociale e religioso, il delicato equilibrio dei vari elementi della natura. Entriamo allora nei versi di Bashō, ammiriamo quello che egli stesso vede, annusiamo i profumi, ascoltiamo i suoni di questo Giappone della fine del XVII secolo.

.

MATSUO BASHŌ

 

*

O cuculo!
Guida il mio cavallo
attraverso i campi

.

*

Mare in burrasca -
su Sado si stende
la Via Lattea

.

*

Steli di iris
si aggrovigliano ai miei piedi
come lacci di sandali

.

*

L'erba estiva!
È tutto ciò che rimane
del canto dei guerrieri

.

*

Profumo di crisantemi
a Nara antiche statue
di Buddha

.

*

Oltre le tende
una quieta profondità -
fiori di prugno del Nord

.

.

Statua commemorativa di Matsuo Bashō a Ōgaki © Kichiverde

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Sono eterni viandanti i mesi e i giorni; e anche gli anni che passano sono come viaggiatori.
MATSUO BASHŌ, Lo stretto sentiero per il profondo Nord

1 commento:

Vania ha detto...

...difficile scegliere....ma :
Mare in burrasca -
su Sado si stende
la Via Lattea

Steli di iris
si aggrovigliano ai miei piedi
come lacci di sandali

:)
ciaooo Vania

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...