giovedì 3 dicembre 2009

Che cerchi, poeta, nel tramonto?


ANTONIO MACHADO

NUDA È LA TERRA


Nuda è la terra, e l'anima
ulula contro il pallido orizzonte
come lupa famelica. Che cerchi,
poeta, nel tramonto?
Amaro camminare, perché pesa
il cammino sul cuore. Il vento freddo,
e la notte che giunge, e l'amarezza
della distanza... Sul cammino bianco,
alberi che nereggiano stecchiti;
sopra i monti lontani sangue ed oro...
Morto è il sole...
Che cerchi, poeta, nel tramonto?


(da “Soledades”, 1903)

.
Il tema del viaggio è fondamentale in Antonio Machado, poeta della “generazione del ‘98”, nato a Siviglia nel 1875 e scomparso nel 1939 a Collioure: viaggio è la vita, viaggio è l’esplorazione della propria esistenza. Il paesaggio riveste un ruolo particolare, arrivando a incarnare simbolisticamente lo stato d’animo del poeta. Non c’è da meravigliarsi dunque davanti a questa nuda terra, probabilmente in una breve sera d’inverno, quando il tramonto viene a tingere un cielo scialbo.
La malinconia del panorama è quella del poeta, in viaggio alla ricerca di se stesso senza però trovare risposta alcuna. Quella domanda che sibila nell’aria come una sferza può essere rivolta ad ognuno di noi: cosa cerchiamo quando la sera ci poniamo davanti al tramonto e meditiamo sulle nostre vite?

.
 
Caspar David Friedrich, “The tree of crows”

.
* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
LA FRASE DEL GIORNO
La magnifica fiducia / a te, Natura, e pace chiedo, / la mia tregua di paura e di speranza, / un chicco di allegria, un mare d'oblio.
ANTONIO MACHADO, Cancionero apócrifo de Abel Martín

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...