mercoledì 9 marzo 2011

Uno che ben conosce la notte


ROBERT FROST

CONOSCENZA DELLA NOTTE

Io sono uno che ben conosce la notte.
Ho fatto nella pioggia la strada avanti e indietro.
Ho oltrepassato l'ultima luce della città.

Sono andato a frugare nel vicolo più tetro.
Ho incontrato la guardia nel suo giro
Ed ho abbassato gli occhi, per non spiegare.

Ho trattenuto il passo e il mio respiro
Quando da molto lontano un grido strozzato
Giungeva oltre le case da un'altra strada,

Ma non per richiamarmi o dirmi un commiato;
E ancora più lontano, a un'incredibile altezza,
Nel cielo un orologio illuminato

Proclamava che il tempo non era né giusto, né errato.
Io sono uno che ben conosce la notte.

(da West-running Brook, 1928 – Traduzione di Giovanni Giudici)

.

Chi è colui che conosce la notte? E che cos’è la notte? La notte è il mistero della vita, è l’immersione nel reale, e dunque la conoscenza della notte è la poesia, colui che conosce la notte è il poeta. Nella sua dichiarazione poetica Robert Frost precisa: “Sono in un posto, una situazione, come materializzato da una nuvola o sorto da terra. V’è un felice riconoscimento del lungamente perduto e il resto segue. (…) La logica è retrospettiva, dopo l’evento. Deve essere sentita piuttosto che vista in anticipo come una profezia. Deve essere una rivelazione, o una serie di rivelazioni, per il poeta quanto per il lettore”. Ecco allora che si conosce la notte, la si riconosce alla fiammella della poesia.

.

Max Ferguson, “Reservoir nocturne, 1986”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO 
La figura che una poesia crea. Comincia nel piacere e finisce nella saggezza.
ROBERT FROST

1 commento:

Vania ha detto...

...la frase del giorno...è molto interessante....come la spiegazione di questa notte.
ciao Vania

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...