lunedì 25 novembre 2013

Tre cavalieri

 

LARS GUSTAFSSONGustafsson

IMMAGINE FIABESCA

Quel giorno blu d’autunno sbrigliato
l’aria un nuovo mare di cristallo,
e sul suo fondo i boschi e i campi,
appena mossi dal vento e inondati di luce.
Ma nel bosco di querce dov’era l’ombra
e le foglie cadevano come monete che nessuno osa toccare,
allora apparvero a briglia sciolta tre cavalieri.

Della loro meta nulla possiamo dirvi.

(da Sulla ricchezza dei mondi abitati, Crocetti, 2010 – Traduzione Maria Cristina Lombardi)

.

La poesia ha naturalmente in sé una caratteristica visionaria, andando a cercare al di là del reale, scoprendo le connessioni nascoste dietro il visibile. In questi versi del poeta svedese Lars Gustafsson (Västerås, 1936) l’autunno che dipinge una giornata azzurra di sole e un bosco che va spogliandosi delle sue foglie virano in fiaba nordica lasciando l’incertezza su quei cavalieri: sono realtà o fantasia?

.

296077

JENNIFER WOODWARD, “FREEDOM OF THE FOREST”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Dalla sola sottile membrana di un’immagine / il profondo universo e la tenebra dell’occhio sono scissi.

LARS GUSTAFSSON, Sulla ricchezza dei mondi abitati

3 commenti:

Paolo ha detto...

Bella, questo Lars mi piace anche di faccia. Prendo nota dell'opera...

Vania ha detto...

...come è bella da leggere da vedere questa poesia.

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

La poesia nordica ha un fascino tutto particolare. Di suo Lars Gustafsson ci mette qualcosa del visionario

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...