mercoledì 19 dicembre 2012

Mille sillabe di luce

 

PEDRO CASARIEGO

TORRE WINDSOR

                  1980

gratta
            cieli
e se la gente volasse
come volano i venti e volano i giorni
e se la gente volasse
                                                        voglio dire
                                                        i viaggiatori di commercio
                                                        e le dita dei funzionari
e se la gente volasse
per riflettere nei gratta
                                                   cieli
la sua pelle e i suoi anelli
la povertà del suo ridere in un solo modo
i suoi scheletri in vendita
i suoi viaggi in elicottero
le gambe di Mellors
tu sforzandoti di udire
       perché la vita non
                                           rilascia dichiarazioni
quando è nell’ascensore
di un gratta
                   cielo
però oggi
           oggi
           il
           gratta
                      cielo
è
     mille
            sillabe
                           di luce
            non
            una sola
            parola

.

“La mia scrittura è l’imitazione del torrente. Consiste semplicemente nell’aprire un rubinetto e lasciare che sgorghino tutti i liquidi e le canzoni chimiche possibili, cercando di raccogliere immagini, rubando le parole ai giornali, le espressioni alla gente, i termini ai dizionari”: così parlava della sua opera il poeta e pittore spagnolo Pedro Casariego (1955-1993) e in effetti da questo esempio che descrive la Torre Windsor, 106 metri per 32 piani, uno dei primi grattacieli “intelligenti” di Madrid, edificato tra il 1975 e il 1979 si può comprendere quello che l’autore intendeva dire con “imitazione del torrente”. La modernità dell’edificio si fonde con un visionario sogno chagalliano del poeta, con gente che vola e con i riflessi nei vetri del palazzo. Sono un attimo nel tempo questi versi, che risalgono al 1980, ma legano in un bizzarro destino di autodistruzione l’edificio e il poeta: Casariego si buttò sotto un treno il 6 gennaio 1993, dando per terminata la sua opera grafica e poetica, la Torre Windsor bruciò per un cortocircuito il 13 febbraio 2005, venne poi demolita e sostituita da un nuovo grattacielo, la Torre Titania, inaugurata nel 2011.

.

LA TORRE WINDSOR PRIMA DELL’INCENDIO © DCR TEAM

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Si può radere l'erba lungo la marina e stendere i nastri di macadam delle autostrade; si può squadrare l'azzurro per mezzo del cemento armato dei grattacieli, ma la poesia dell'infinito e la musica del mare rimangono.
PITIGRILLI, Ribalta

2 commenti:

Vania ha detto...

...una "storia" interessante...anzi qui più di una storia.

ciaoo Vania

DR ha detto...

"e se la gente volasse"...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...