mercoledì 22 dicembre 2010

Sei haiku per l’inverno

 

BASHO

 

*

Giorno d'inverno -
sul cavallo
un'ombra di gelo.

*

Lo specchio è chiaro
e terso
tra i fiori di neve.

.

ISSA

 

*

Se sto qui,
benché stia qui,
nevica.

.

SHIKI

 

*

L'inverno è vicino,
quest'anno ho lasciato
la barba.

*

Ombre d'alberi:
la mia ondeggia
nella luna invernale.

*

Sulle ali delle anatre mandarino
la neve cade leggere:
che quiete!

.

Fiori di neve, gelo, ombre, lune che tagliano a fette il cielo, paesaggi bianchi dove i suoni risultano ovattati. Freddo tempo di riposo è l’inverno in questi sei haiku di Basho (1644-1694), Issa (1762-1826) e Shiki (1867-1902). Come abbiamo più volte visto, questo genere di componimento, spesso legato al ciclo naturale delle stagioni, è la descrizione di qualche cosa che avviene, le letture psicologiche e i commenti sono esterni ad esso, sono nella mente del lettore. Leggiamoli allora con la stessa semplicità con cui gli autori li hanno scritti ma cogliendone la incredibile profondità, come nota Roland Barthes: “Avete il diritto, suggerisce l’haiku, d’essere futile, breve, ordinario; racchiudete ciò che vedete, ciò che sentite, in un minimo orizzonte di parole e saprete interessare: avete il diritto di fondare voi stessi (e a partire da voi stessi) ciò che vi sembra ragguardevole; la vostra frase, qualunque essa sia, enuncerà una morale, produrrà un simbolo, voi sarete profondo; con minimo dispendio, la vostra scrittura sarà piena”.

.

Kirsty Wither, “Soft white blanket”

.

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
LA FRASE DEL GIORNO
L’haiku rivela uno specchio vuoto. Si inscrive nello spazio senza simbolizzare nulla, e senza la pretesa di avere un significato. È un’immagine opaca, priva di riflessi. 
LEONARDO VITTORIO ARENA, Haiku

5 commenti:

Vania ha detto...

...lo sai che mi piacciono gli Haiku...quindi a pieni voti questo post.
ciaoo Vania

almacattleya ha detto...

Concordo con Vania

Veronica ha detto...

non penso che l'Haiku sia un'immagine priva di riflessi. Per me è l'esatto contrario.E' un fotogramma che si apre all'anima, vivido. E che non si può dire...

DR ha detto...

Veronica, quella è l'opinione del critico Leonardo Vittorio Arena, autore dell'introduzione al volume "Haiku" dell'edizione Mondadori. Io ho più volte scritto che è impressionante la sfaccettatura che hanno gli haiku, dove poche parole significano così tanto...

Veronica ha detto...

rispetto l'opinione del critico e la mia...
mi piace confrontarmi, specie con coloro che la pensano diversamente. E' un modo per arricchirmi.
Grazie per la precisazione ( rispetto, senza condividere)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...