venerdì 17 giugno 2016

Come una voce di sogni

 

EMILIO PRADOSPrados

SOLITUDINE ALL’ALBA

Ah!, rosa, taci, taci:
nascondiamoci insieme
ai piedi dell’acqua.

Ah!, taci, taci, vento:
ai piedi del monte
lasciamo i nostri corpi.
              - Cosa ci serve?
                                            - Il sole nascente,
- gioia di primavera -
luce sul verde.
             - E l’amore?...
                                                - Nell’oblio.
(Come una voce di sogni
scorre l’acqua del fiume.)

(Cerré mi puerta al mundo, da Jardin cerrado, 1946)

.

Il mondo metafisico fu tra i primi temi del poeta spagnolo Emilio Prados (1899-1962), esponente della Generazione del’27: nella sua gioventù Prados cercava l’illuminazione in cui traspare lo spirito, una vita trascendentale e meditativa capace di raggiungere la verità interiore, anche grazie ad elementi naturali quali il mare, la notte, il vento o il fiume. Poi però venne la guerra civile spagnola e le poesie di Prados divennero più contingenti, più sociali e e più sanguigne.

.

Rose

FOTOGRAFIA © FLICKR

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Ho chiuso la mia porta al mondo;  / ho lasciato fuggire la mia carne nel sogno…

EMILIO PRADOS, Cuerpo perseguido

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...