domenica 29 dicembre 2013

Ungaretti cuore inquieto

 

GIUSEPPE UNGARETTIUngaretti

DONO

Ora dormi, cuore inquieto,
Ora dormi, su, dormi.
 
Dormi, inverno,
Ti ha invaso, ti minaccia,
Grida: «T’ucciderò
E non avrai più sonno».
 
La mia bocca al tuo cuore, stai dicendo,
Offre la pace,
Su, dormi, dormi in pace,
Ascolta, su, l’innamorata tua,
Per vincere la morte, cuore inquieto.

(da Dialogo, 1968)

.

È un tardo amore per l’ottantenne Giuseppe Ungaretti (1888-1970) quello della ventiseienne brasiliana Bruna Bianco, vissuto con la consapevolezza che l’amore – anche quello, “demente / ormai solo evocabile / nell'ora degli spettri” non si estingue mai. Le poesie del vecchio Ungaretti, scritte alternatamente con lei, sono ancora più struggenti, venate dal senso della fine. Ed è una ninna nanna in cui si culla il poeta, l’ultimo amore vissuto come un dono.

.

foto1

FOTOGRAFIA © GEISA CRUVINEL

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Sei comparsa al portone / in un vestito rosso / per dirmi che sei fuoco / che consuma e riaccende
.
GIUSEPPE UNGARETTI, Dialogo

2 commenti:

Vania ha detto...

...molto serena questa poesia..."appagante".

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

L'amore non ha età, non ha confini, non ha distinzioni. È "amore" e basta

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...