sabato 28 settembre 2013

Tanto ho pensato a te

 

HENRIK NORDBRANDT

OMBRE

Tanto ho pensato a te
e ho scritto tanto di te
senza proprio sapere chi tu fossi.
In tante e tante camere ho dormito
senza averti al mio fianco
e tante son le case
nelle quali ho abitato, senza di te.
Tante son le città in cui non ti ho incontrato.

Tante sono le cose che ho esaurito
o smarrito per via verso di te,
e tante possibilità ho sprecato,
tante vite che la tua presenza qui e ora
mi fa sentire perdute
che ormai ti posso vedere solo
come la luce primaverile che talvolta
sfiora la tua gota o accende l’ardore dei tuoi occhi
lasciando le ombre ancora più fredde e più profonde.

(da Poesia d’amore del Novecento, Crocetti, 2006 - Traduzione di Maria Giacobbe)

.

La prima cosa che ho pensato leggendo questa poesia di Henrik Nordbrandt (Copenaghen, 1945) è che rappresenta il negativo di “Ho sceso dandoti il braccio un milione di scale” di Eugenio Montale: là il tempo ricordato è presenza ed il presente vede la mancanza della donna amata; qui tutto è rovesciato e il tempo perduto è assenza mentre è l’oggi ad averne la presenza. Nordbrandt malinconicamente non può fare a meno di rimpiangere quel tempo sprecato, invece di appagarsi della situazione presente.

.

Altar of Memory

JACK VETTRIANO, “ALTAR OF MEMORY”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Tu sei il mio amore e la mia disperazione. / Tu sei la mia follia e la mia saggezza. / E sei tutti i luoghi in cui non sono stato / e che mi chiamano da tutti gli angoli del mondo!

HENRIK NORDBRANDT

3 commenti:

Paolo ha detto...

Da cui il proverbio: ogni lasciata è persa...

DR ha detto...

esattamente

Vania ha detto...

...dall'inizio...(romanticamente..:)..)mi prende un fiatone nel leggerla.:)

ciaoo Vania

..la foto okey:)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...