giovedì 19 settembre 2013

Dolcezze d’autunno

 

DIEGO VALERI

E COSÌ TE NE VAI TU PURE, ESTATE

E così te ne vai tu pure, estate.
Di giorno in giorno più breve è la luce,
più basso il cielo.
Un’ala lunga di vento
si stende liscia su la faccia del mondo.
È il vento umido, molle, delle sere precoci.
Cosa più resta al vecchio cuore
che già si gonfia di pianto?
Restano le tristi dolcezze di autunno
E la luce dell’ultima sera.

(da Calle del vento, Mondadori, 1975)

.

Eccola la malinconia di fine stagione, eccola comparire con i primi maglioncini, con le prime felpe della decadente estate. È un fresco nell’aria delle mattine e delle sere che prima non c’era, è l’accorgersi all’improvviso che bisogna accendere la luce quando prima invece si cenava nel chiarore del tramonto. Diego Valeri (1887-1976) ne coglie la tristezza, ma sa come consolarsi: il regalo del mondo per la fine dell’estate è una dolcezza infinita, quella dei frutti che maturano, quella dei bei giorni che ancora si vestono di sole e cominciano a dipingere le foglie di colori caldi.

.

u89_Canyon-Oaks-24-x-36

FRANK WILSON, “CANYON OAKS”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Le estati volano sempre… gli inverni camminano!

CHARLES M. SCHULZ, Peanuts

4 commenti:

attimiespazi ha detto...

!! Bellissimo il dipinto di Wilson !!

Sempre ed eterni complimenti per questo bellissimo e curatissimo blog.

- Liolucy

DR ha detto...

Grazie, grazie, grazie! Cerco sempre di abbinare un'immagine che esprima lo spirito della poesia proposta e spesso non è facile davvero...

Vania ha detto...

...saper apprezzare il bello...che comunque c'è...è già serenità..poi con queste "dolci" parole ancor più facile.:)

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

non è pura estetica, è... poesia

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...