domenica 3 marzo 2013

Guardandoti mi conobbi


WINÉTT DE ROKHA

CERCHIO DI FUOCO SENZA LACRIME


Era il tempo immobile del fiore di giacinto;
(quando io ero come le mele).

E tu sei giunto, come tutte le cose,
che divampano nell’universo:
le tempeste, le ombre della vita.

E tuttavia….
era così nuova la composizione di strade di bronzo
che andavi costruendo.

Guardandoti mi conobbi, amandoti,
oh! amandoti incontrai il vangelo
della mia anima, già stanca prima ancora di essere.

E continuo a indagare, e continuo ad aspettare
di svellere dal tuo spirito la ragione della mia angoscia;
sapendo che mi hai dato tutto quello che hai tratto dalla morte,
sapendo che definisci i miei occhi di carbone,
sapendo "che morirò chiamandoti”…


(da Cantoral, 1936)

.
L’amore così alto apparso all’improvviso nel cielo di Winétt de Rokha (1892-1951), poetessa cilena, è quello di Pablo de Rokha, il poeta cui mandò i suoi primi versi firmati con lo pseudonimo di Juana Inés de la Cruz. Un amore che forma, che plasma e nel quale, specchiandosi, ci si conosce: “Nei laghi di diamante / liquido e ardente / dei tuoi occhi volenterosi / ho bagnato tutte le mie ansie, Pablo”. Un amore eterno, che non è separabile da alcun elemento umano: Luisa – il vero nome di Winétt de Rokha – e Pablo restarono assieme fino alla scomparsa della poetessa e Pablo, due anni dopo, pubblicò un’accorata raccolta a lei dedicata, Fuego negro.
.

Henri-Martin-xx-The-Lovers-1
HENRI MARTIN, “LES AMOUREUX”
.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO

Nel nostro amore c'è una pena / che assomiglia all'anima.
JORGE LUIS BORGES, Fervore di Buenos Aires

5 commenti:

Paolo ha detto...

Eh, versi belli, brava la ragazza e sopratutto profonda. Bello anche questo grande amore di cui non so nulla ma che spero sia stato felice e luminoso...

DR ha detto...

Sì, una piacevole sorpresa. L'impudenza di mandare i versi al poeta, poi l'innamoramento e la vita vissuta in due finché il cancro non si è portato via Winétt lasciando a Pablo il dolore dolcissimo della memoria

Vania ha detto...

..è bello leggere queste "storie"...questa poesia.

ciaoo Vania:)

Gianpiero De Tomi ha detto...

Il suo vero nome, non era teresa wilms montt?

DR ha detto...

Chiedo scusa: ho scambiato la foto di Teresa Wilms Montt con quella di Winétt de Rokha, il cui vero nome era Luisa Anabalón Sanderson. Rimedio con la foto giusta.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...