giovedì 29 marzo 2012

Ode al minuto

 

MARINA CVETAEVA

MINUTO

Minuto: passante. Passato.
Congedo amanti e passioni…
Quanto domani mi verrà rubato
lo getto via con le mie mani!

Minuto: pretendi. Presente. Misura
che froda sul peso… Ma, attento:
non cominciò mai nel tempo
ciò che è finito… E tu menti,

minaccia, rincuora i malati
di morbo decimale, gli eterni
minorenni… Miseria! Minuzia! Chi sei
per spicciolare il mare? Crinale

dell’anima viva? – Secca! Sabbia!–
Il Re di tutte le ricchezze
non ebbe più glorioso regno
della scritta «Passerà anche questo»

sull’anello. Lungo vie a ritroso
chi non ha provato l’avara vanità
delle tue Arabie di quadranti,
lo strazio di pendoli e lancette?

Minuto: finzione! Finito! Fantasma
di futuro. Falsità che trita –
in polvere, poltiglia di rifiuti.
Elemosina alla vita! Smanio

di lasciare il mondo che spacca
i secondi, il rintocco che strappa
le anime. Dove scandisce il mio eterno
l’eterno mancarsi dei minuti

(da Dopo la Russia, 1928 – Traduzione di Serena Vitale)

.

Il protagonista di questo post è proprio lui, il minuto: i sessanta secondi che formano il sessantesimo di un’ora. Minuti che sembrano lunghissimi, altri che volano via. E minuto a minuto la nostra vita avanza inesorabilmente. È probabilmente l’unità di misura del tempo che prendiamo a riferimento. E infatti, come scrisse Gesualdo Bufalino, “Capita a volte di sentirsi per un minuto felici. Non fatevi prendere dal panico: è questione di un attimo e passa”. La stessa sensazione che pervade questi versi di Marina Cvetaeva (1892-1941), poetessa russa tra i massimi esponenti del movimento simbolista, osteggiata dal regime staliniano e costretta all’esilio a Parigi, Berlino e Praga per le sue simpatie antibolsceviche, fino al suicidio che pose fine a una vita di fame e di lutti. Una serie di minuti, “elemosina alla vita”, da buttare o da ricordare, da usare per salutare l’amore o per congedarlo, in una minuscola frazione di tempo. Per finire, una nota tecnica: Marina Cvetaeva scrisse che “Il mio libro deve essere eseguito come una sonata. I segni sono le note. Sta al lettore realizzare o deformare”. Pur in traduzione – molto ben fatta – si può capire perché.

.

IMMAGINE © LERO KID

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Ti consiglio di prenderti cura dei minuti, perché le ore si occuperanno da sole.

PHILIP STANHOPE, Lettere al figlio

5 commenti:

Federica ha detto...

E' vero, tutto vero!
I minuti passano, il tempo passa, tutto passa... l'unica certezza è che bisogna "andare avanti" nonostante tutto!
La riflessione di Bufalino, poi, oserei affermare che è sublime.
A presto e buona giornata
Federica
p.s. a domani quindi...

DR ha detto...

Bufalino, che amo definire "dolcemente cinico", ha di queste pensate fulminee, mi piace perché non si prende troppo sul serio, ed è così che si dovrebbe prendere la vita... che è già seria e complicata di suo.

A domani, allora - ci sarà probabilmente una poesia di Diego Valeri anch'essa legata al tempo e alla nostalgia
:-)

Vania ha detto...

....stavo leggendo la poesia ed è suonato il campanello il postino....
"...ho pensato un minuto e arrivo...:)))))))

ciaooo Vania

Vania ha detto...

i pooh...dammi solo un minuto.

:)
ciaooo Vania

DR ha detto...

sempre i Pooh: "A un minuto dall'amore", poi il "Valzer di un minuto" di Chopin e in letteratura le "Letture da un minuto" di Hermann Hesse

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...