domenica 31 ottobre 2010

Il limite

 

ANNA ACHMATOVA

C’È NEL CONTATTO UMANO…

a Nikolaj Vladimirovič Nedobrovo          

C'è nel contatto umano un limite fatale,
non lo varca né amore né passione,
pur se in muto spavento si fondono le labbra
e il cuore si dilacera d'amore.

Perfino l'amicizia vi è impotente,
e anni d'alta, fiammeggiante gioia,
quando libera è l'anima ed estranea
allo struggersi lento del piacere.

Chi cerca di raggiungerlo è folle,
se lo tocca soffre una sorda pena...
ora hai compreso perché il mio cuore
non batte sotto la tua mano.

1915

.

È lontana dal Simbolismo, dal Decadentismo e dalla tradizione russa Anna Achmatova: lo si può apprezzare in questa poesia di tre quartine dove nessuna analogia, neppure nascosta, serve a sorreggere i versi: è una scarna constatazione, la pura e semplice esposizione di verità che la poetessa ucraina con una disarmante nudità e con occhio malinconico riveste di disincanto.

È la voce di una donna che si è abbandonata totalmente all’amore, che l’ha vissuto con pienezza e con passione (“giacevo ed attendevo quella cosa / che ancora non si chiamava tormento”) e adesso si trova a fare i conti con questo sentimento, con il suo volto crudele, con la sua metamorfosi da fiammeggiante gioia a peso nel cuore.

.

Immagine dal film “Laugh, clown, laugh”

.

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
LA FRASE DEL GIORNO
L'amore è sutura, / non benda. Non scudo / sutura.
MARINA CVETAEVA

1 commento:

Vania e Paolo ha detto...

..molto intensa.

...la frase del giorno la condivido.
ciao Vania

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...