sabato 6 marzo 2010

Il Giappone di Enakapata

“Arrivando a ogni nuova città il viaggiatore ritrova un suo passato che non sapeva più d’avere: l’estraneità di ciò che non sei più o non possiedi più t’aspetta al varco nei luoghi estranei e non posseduti. Storie di città invisibili. Di luoghi ritrovati. Di luoghi da ritrovare. Forse da cercare…”

“Per genio e per caso”: questa è la linea guida di “Enakapata – Storie di strada e di scienza da Secondigliano a Tokyo”, agile reportage che si situa tra il memoriale di viaggio, la ricerca sociologica e il diario di bordo di due vite. Gli autori sono Il sociologo Vincenzo Moretti, che dirige la sezione Società, Culture e Innovazione alla Fondazione Giuseppe Di Vittorio e insegna Sociologia dell’Organizzazione all’Università di Salerno, e suo figlio Luca, che lavora alla Feltrinelli Express di Napoli, suona il basso nel gruppo napoletano dei Motor Sound e ha compiuto studi di fisica e di culture orientali.

Gli autori (al centro) durante una presentazione © Enakapata

“Per genio e per caso”, si è detto: in una lettera a Voltaire il sovrano di Prussia Federico il Grande scrisse che al caso sono dovuti tre quarti buoni del nostro universo. Non so se è così tanto, ma è certo che nella vita umana e nelle sue scoperte esso gioca un ruolo determinante. Non ci credete? Provate a pensare come avete conosciuto l'amore della vostra vita e iniziate a giocare a ritroso con i se. Ecco, ora vi siete convinti. Il caso, dunque, quella che in termini scientifici è la “serendipity”. Così Moretti nel libro: “Il punto di partenza è dato dal concetto di «serendipity», sconosciuto ai più, buffo anzichenò, con un certo non so che di magico, una sorta di supercalifragilistichespiralidoso della ricerca sociologica che dobbiamo al genio di Robert K. Merton. Quello di arrivo, dalla possibilità che l’interazione di menti preparate in ambienti sociocognitivi «serendipitosi» moltiplichi ed acceleri le opportunità per tutti quei soggetti – città, università, imprese – che intendono puntare sull’innovazione, scrutare i segni del tempo, ridefinire il proprio ruolo nella società, conquistare nuovi spazi di mercato”.

Si cerca qualcosa e se ne trova un’altra: il Teflon, per esempio, è stato scoperto così. Anche il Prozac, la penicillina e la dinamite. A Vincenzo Moretti, che nel 2008 scrive sull’edizione online della “Stampa”, capita di intervistare lo scienziato triestino Piero Carninci, che coordina il Fantom International Consortium. Da cosa nasce cosa e in breve i due Moretti si trovano a intraprendere questa avventura, “scoprendo” una realtà molto diversa da quella italiana: il Giappone ipertecnologico e produttivo dove la ricerca si sviluppa, anche grazie all'unione del genio e del caso, in modo lineare e produttivo, dove il merito e il talento vanno di pari passo e le menti si affinano nel confronto e nella collaborazione – in particolare qui si tratta di studi sull’RNA e sul genoma al Riken di Tokyo, istituto diretto dal Premio Nobel Riojy Noyori.

Il Premio Nobel Riojy Noyori e Vincenzo Moretti © Enakapata

“Enakapata” ospita anche lui, insieme ad altri validissimi ricercatori europei ma anche alle “ragazze” che gestiscono un caffè, ancora di salvezza per due italiani all’estero. Anche per questo il viaggio all’interno dell’universo del Riken è affascinante nonostante l’aridità scientifica del tema trattato: padre e figlio riescono a dipingere l’insieme con pennellate che attingono al gusto del ricordo e della nostalgia, unendo alla fierezza e alla voglia di conoscere l’umanità degli incontri e le uscite alla scoperta della città. Ci sono i treni superveloci a monorotaia, i templi, l’isola di Odaiba, i centri commerciali di Roppongi, i ciliegi in fiore. Ma anche i parenti e gli amici rimasti in Italia, contattati via Skype, personaggi come don Peppe detto «Testolina» e zio Peppino. Alla fine sogni una ricerca scientifica come quella nipponica anche in Italia e ti viene voglia di visitare il Giappone e di fare una capatina a Secondigliano…

VINCENZO E LUCA MORETTI
ENAKAPATA – STORIE DI STRADA E DI SCIENZA DA SECONDIGLIANO A TOKYO
EDIESSE
Euro 10,00

.

“Enakapata” è anche un blog dove Vincenzo Moretti racconta con arte affabulatoria tutta partenopea quello che gli passa per la testa: i rapporti che legano la gente, processi sociali, nuove tecnologie (eh be’, è sociologo…), ricordi, gente di Secondigliano. E da poco ha inaugurato uno spazio dove giocare intelligentemente, la sezione “Pazzianno pazzianno”: ci si può dilettare con i tautogrammi, gli acrostici e la scrittura creativa partendo proprio dalle pagine di “Enakapata”.

.

Shinjuku © Enakapata

.

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
LA FRASE DEL GIORNO
Visitare terre lontane e conversare con genti diverse rende saggi gli uomini.
MIGUEL DE CERVANTES, Novelle esemplari

3 commenti:

concetta t. ha detto...

alcune cose mi sono piaciute tanto....quando scrivi della serendipity , così un album della PFM e un film del 2001,e anche quando dici di Vincenzo, che su Enakapata srive "quello che gli passa per la testa", anche io ho pensato la stessa cosa!
e poi la frase di Cervantes, che coglie in pieno l'essenza del viaggiare.:-)

DR ha detto...

"Viaggiare con lo spirito dell'Odissea" avevo scritto tempo fa in una poesia: ovvero curiosi dei mondi nuovi, delle nuove genti... è quello che si trova in "Enakapata". È quello che mi piace nella narrativa di viaggio: Chatwin per esempio, e Kapuscinski. È per questo che quando viaggio evito i ClubMed e i villaggi: come si fa ad andare in un ristorante italiano a Praga, per esempio?

concetta t. ha detto...

villaggi...puach!!
mi sembra l'equivalente dei McDonald nella ristorazione!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...