venerdì 6 marzo 2015

Una sera d’estate

 

WENDY COPE

IDILLIO

(alla maniera di U.A. Fanthorpe)

Una sera d’estate in giardino saremo
io e te - con pasta e vino bianco ceneremo.

Poche parole. La testa reclinata,
guarderò l’ombra sul rosso sentiero,

che tutto sia passato quasi non parrà vero.
Quella begonia gialla. La casa, la facciata.

Senza male alla gamba, Kingsgate Park traverseremo,
per la via lunga a casa torneremo.

Il Paradiso che vorrei, che amo?
Noi due come siam stati - e ancora, a volte, siamo.

(Idyll, da Guarire dall’amore, Crocetti, 2011 - Traduzione di Paola Bartocci)

.

La poesia ironica di Wendy Cope (Erith, 1945) coniuga qui il suo sense of humour di stampo tipicamente britannico con una dolcezza amara: ne nasce un delicato sentimento in cui l’amore è una gioia composta da piccole cose che si incastrano come tessere di un puzzle.

.

The lying game

JACK VETTRIANO, “THE LYING GAME”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Due cure per l’amore - Prima: Non vederlo. Non chiamarlo, non scrivergli. / Seconda: Più semplice. Impara a conoscerlo meglio.
WENDY COPE, Guarire dall’amore

1 commento:

Tra cenere e terra ha detto...

La frase del giorno merita più di una riflessione :) splendida la poesia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...