martedì 6 marzo 2012

La mela sull’alto ramo

 

SAFFO

QUALE DOLCE MELA

Quale dolce mela che su alto
ramo rosseggia, alta sul più
alto; la dimenticarono i coglitori;
no, non fu dimenticata: invano
tentarono raggiungerla.

(Frammento 105 a - Traduzione Salvatore Quasimodo)

.

Questo celebre frammento di Saffo, poetessa greca vissuta tra il 640 e il 570 avanti Cristo, tanto famosa già ai suoi tempi da essere definita la “Decima Musa”, è parte di un epitalamio, ovvero il canto nuziale destinato ad essere letto nella camera degli sposi. La sposa in questo caso non era più giovanissima, e Saffo scherzosamente la paragona ad una bella mela su un ramo alto, ormai matura e pronta da cogliere: non è che nessuno finora non l’abbia voluta sposare, solo non c’è riuscito perché non ha saputo come arrivare a lei…

.

VLADIMIR KUSH, “CLOCKWORK APPLE”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Sposa. Una donna con una buona prospettiva di felicità dietro di lei.
AMBROSE BIERCE, Dizionario del diavolo

4 commenti:

Vania ha detto...

...simpatica.:)

...uhmm...se ne intendeva di donne....questa Saffo..infondo è una donna ;))
....ora mi ha incuriosito su questa Poetessa :)))

ciaooo Vania

DR ha detto...

se ne intendeva sì... è la prima vera donna poeta.

Rob ha detto...

6 1 koione cuasimodo1!!11

Malefica ha detto...

Molto contemporanea direi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...